I viaggi di Taddy e Gloria - Home
Home Home
Contatti Contatti
Iscriviti alla Newsletter Iscriviti alla Newsletter
Segnala il sito a un amico Segnala il sito a un amico
Note Legali Note Legali
Chi Siamo
I Nostri Viaggi
Le Nostre Foto
I Nostri Video
Tour Enduro
Gps
RoadBook
Attrezzature di Viaggio
Guide e Mappe
Gps Italia Offroad
Enduro
Viaggi Enduro
Moto Fuoristrada
Diari-Guida
Shopping
Tour Fuoristrada
Meteo
Racconti
Isole Greche
Appunti
Botswana - Natura selvaggia, popoli e animali
   

Nota bene: Qui sotto trovate una parte del racconto del nostro viaggio in Botswana. Il racconto completo lo troverete solo sotto forma di Libro dove il racconto risulta essere completo, approfondito, ricco di cenni storici, di particolari, di emozioni e soprattutto di dettagli di viaggio giorno per giorno che vi consentiranno di effettuare senza problemi un viaggio come o simile al nostro. Il Libro contiene inoltre una serie di informazioni pratiche estremamente utili a chiunque voglia organizzare un viaggio simile al nostro. Il tutto in formato tascabile (cm. 10.8x17.5) e costituito di 194 pagine ! Puoi acquistare il nostro Libro Botswana comodamente con carta di credito tramite Paypal o con un conto Paypal, in modo assolutamente pratico e sicuro con un paio di click dal tuo Pc. Per ulteriori informazioni e per l'acquisto Clicca qui.

Botswana - Natura selvaggia, popoli e animali
Agosto 2006

Tutto e' cominciato nel gennaio di tre anni fa: ci trovavamo nel negozietto di un distributore di carburante di Windoeck al termine del nostro splendido viaggio in Namibia, la mente ed il cuore colmi di ricordi meravigliosi, quando davanti a noi vedemoo la mappa "ContiMap" della Botswana. Se non la compriamo qui, ricordo che abbiamo ragionato, non la troveremo certo in Italia e chissà che non ci venga voglia in futuro di tornare ad esplorare nuovi angoli dell'Africa australe !
E' proprio su quella mappa aperta sul tavolo che durante questi ultimi mesi abbiamo trascorso serate entusiasmanti e fare progetti, studiare percorsi, immaginare incredibili piste in mezzo a distese di savana, capire il giusto modo di prenotare gli ingressi ai parchi nazionali ... in una parola: ad organizzare questo nostro nuovo e sorprendente viaggio in Africa !
Non e' stato semplice pensare a tutto: un viaggio "fai da te" di un mese in Botswana e' piuttosto impegnativo, richiede spirito di adattamento, voglia di passare molte ore in auto, molto materiale portato dall'Italia, una preparazione quasi maniacale di cibo, indumenti caldi e freddi, strumenti per eventuali riparazioni del mezzo, apparecchiature fotografiche, Gps, telefono satellitare, documenti ed un mare di altre cose che vedremo piu' avanti nel racconto !
Prima della partenza, poi, sono necessari tempi molto lunghi per studiare l'itinerario giorno per giorno e per riuscire a prenotare con la dovuta calma tutti i campi nei parchi; e' necessario avere i giusti contatti in loco per le prenotazioni stesse e per l'auto da noleggiare, una grande pazienza nel prendere informazioni da quante piu' fonti possibili sul grande paese che si intende visitare, nel cercare di capire quali sono le zone che piu' meritano di essere viste. A queso proposito, infatti, bisogna dire che noi abbiamo scelto di rimanere sempre a terra ovvero di seguire solo le piste, non di volare da un posto all'altro come molti tour operator propongono, con la formula che non incontra i nostri gusti del "vedere il piu' possibile", e quindi abbiamo deciso di non includere nel viaggio un'area troppo vasta ma di cercare di vedere al meglio quelle attraversate. Si tratta comunque di un viaggio itinerante, dove ogni giorno ci si sposta e dove le distanze fra i campi sono spesso notevoli, soprattutto considerando il tipo di piste e la velocita' ridotta alla quale si e' spesso costretti a procedere, ed e' per questo motivo che alla fine del mese troveremo sul conta-chilometri del nostro fuoristrada qualcosa come seimila km in piu' !!!
Tornando all'organizzazione, abbiamo noleggiato il fuoristrada in Namibia, a Windoeck, presso la Camping Car Hire, dove ci siamo trovati splendidamente tre anni fa. La nostra auto e' nuovissima, solo 67 km all'attivo, un pick-up Nissan con cabina doppia (cosa che si e' rivelata indispensabile perche' avevamo con noi 40 kg di bagagli e stivarli tutti di dietro sarebbe stato assai scomodo !), due ruote di scorta, due crick, un compressore, un kit di utensili, un serbatoio per l'acqua da 40 litri, un doppio serbatoio per la benzina piu' cinque taniche extra per una capacita' complessiva di 240 litri, ovvero piu' o meno mille e duecento km di autonomia. Tutto per cucinare, due bombole del gas (ne bastera' una sola), frigorifero, accetta per fare legna, tavolo, sedie. La tenda e' sul tetto e si raggiunge con una comoda scaletta, dentro ci sono gia' i sacchi a pelo invernali, i cuscini e due coperte di lana. Molte di queste cose le abbiamo esplicitamente richieste noi alla compagnia di noleggio, non essendo comprese... ...continua sul nostro Libro Botswana

Sabato 29 Luglio
L'aereo atterra in Sud Africa con un'ora di ritardo; fra poco piu' di mezz'ora parte il nostro volo per Windoeck e temiamo che i nostri bagagli possano non seguirci fino in Namibia. Quando infine atterriamo a Windoeck, uno dei tre bagagli non ci viene recapitato: fila per il reclamo, poi usciamo in una calda giornata assolata, bentornati a casa Taddy e Gloria !!
C'e' l'autista della Camping Car Hire che ci accoglie e che ci accompagna fino in citta'. Qui prendiamo possesso del pick-up, un mezzo fantastico che ci accompagnera' per un mese nel nostro vagabondare. Poche pratiche e l'accordo e' firmato. Anche il telefono satellitare ci viene consegnato e tutto e' pronto per la partenza. Dopo pochi attimi di confusione per la guida a sinistra, decidiamo di tornare all'aeroporto per vedere che non sia nel frattempo arrivata l'ultima borsa. Niente, torneremo domani mattina: questo significa che passeremo una notte a Windoeck sebbene il nostro programma prevedesse di partire subito alla volta del Botswana. Siamo stati previdenti: le tappe dei primi giorni sono volutamente brevi, cosi' riusciremo a recuperare facilmente una sosta forzata come questa !
Optiamo per l' Arrebush, un lodge con area di campeggio a pochi km dal centro della citta'. Appena arriviamo, un ragazzo alla reception ci dice: "Siamo pieni oggi, non ci sono posti neppure nel campeggio; se volete andate a vedere e tornate per dirmi se vi va bene lo stesso" cosi' ci rechiamo dove le frecce ci indicano, fin sul limitare del letto di un fiume in secca ... e qui la sorpresa: non c'e' praticamente nessuno ! Una roulotte, una jeep come la nostra con la tenda sul tetto e basta, su di un'area di almeno 50 metri per 50 ... boh ! Torniamo indietro alla reception e paghiamo per la notte.
Verso l'imbrunire (in Africa australe di questa stagione il sole tramonta verso le sei) decidiamo di andare a cena in un locale super consigliato da ogni guida, il "Joe Beerhouse". Non trovando taxi, ci accompagna un amico del ragazzo alla reception, che ci verra' poi anche a riprendere a fine serata !
Il locale e' molto carino, ha un grande giardino e visto che la zona al coperto e' tutta piena si sta all'aperto anche se fa molto freddo (in queste stesse ore in Sud Africa sta nevicando e qui arriva un vento davvero gelido proprio da sud !), i tavoli sono mensole di legno grezzo attorno a grandi tronchi d'alberi vivi, si beve buon vino rosso e si assaporano squisite e tenerissime carni; un grande falo' attira i commensali al suo cospetto.
Quando torniamo al campeggio sono gia' le undici: saliamo la scaletta che ci conduce nel nostro piccolo ed accogliente giaciglio e sebbene il freddo sia pungente (quasi tutti gli indumenti caldi sono nella borsa che non e' arrivata) ci addormentiamo in un lampo: e' stata una lunga giornata ma finalmente ci sentiamo in vacanza !

Domenica 30 Luglio
Sveglia alle sette. Dopo colazione cerchiamo di sistemare le nostre cose nella jeep in modo razionale al fine di non diventare matti ogni volta che cerchiamo qualcosa: tentativo vano il nostro ! Ci vorra' almeno una settimana per organizzare al meglio il poco spazio a nostra destinazione ma superato questo lasso di tempo avremo acquisito una memoria fotografica sorprendente, per cui anche la pinzetta o il nastro adesivo avranno una collocazione precisa al millimetro !
Il primo problema da risolvere oggi e' quello relativo alla borsa mancante: nel primo pomeriggio dovremo assolutamente partire per il Botswana o rischiamo di perdere il diritto alle prime prenotazioni, con il conseguente slittamento di tutte le altre. Questo ci spinge a considerare l'evenienza in cui la borsa non ci arrivi entro oggi: non possiamo partire senza gli indumenti pesanti poiche' nel sud del Botswana il freddo, specialmente di notte, e' una realta' e le temperature sono spesso prossime allo zero. Decidiamo cosi' di comprare qualcosa di caldo che ci assicuri la sopravvivenza nei prossimi giorni: una cuffia, un pail, una calzamaglia. Li acquisteremo in un grande centro commerciale che ci fara' dimenticare per un paio d'ore di essere in Africa: molti prodotti, infatti, sono anche qui d'importazione cinese !
Dopo la spesa ci dirigiamo all'aeroporto dove, dopo quaranta minuti di attesa, arriva la nostra borsa ! Meglio cosi', le cose acquistate saranno bei ricordi di una giornata di shopping in Africa australe !!
Col sorriso sulle labbra saliamo in auto e ci dirigiamo decisi verso est: Botswana ... arriviamo !
Il nastro d'asfalto corre dritto senza traffico; il cielo e' limpido e, quasi senza preavviso, inizia ad infiammarsi alle nostre spalle, le ombre si allungano, la giornata volge al termine. Poco prima del confine fra i due stati, sulla destra parte una breve sterrata che conduce alla tenuta di un lodge privato, il Kalahari Bush Breacks Lodge. Al cancello ci accoglie una sorridente ragazza dalla pelle color caffelatte, il suo bimbetto scorazza felice sul pavimento spoglio della capanna che accoglie i turisti: sul registro scriviamo i nostri nomi, paghiamo 55 N$ a testa quindi entriamo.
In fondo alla sterrata c'e' la costruzione principale del Lodge, una grande casa di legno risalente al tempo dei primi coloni europei. La abitano una coppia di bianchi con una figlia adolescente, vivono qui tutto l'anno, isolatissimi da altri esseri umani ma circondati da una natura incontaminata. Sebbene abbiamo deciso di dormire nell'area riservata al campeggio, i proprietari acconsentono a prepararci qualcosa per cena ed e' cosi' che, dopo una bella doccia calda nel pulitissimo bagno vicino all'unica piazzola occupata questa notte, madre e figlia vengono a prenderci con il loro fuoristrada e... ...continua sul nostro Libro Botswana

Lunedi' 31 Luglio
Sveglia prima dell'alba, colazione e sistemazione del fuoristrada. Con i primi raggi del sole salutiamo la ragazza ed il suo bimbo al gate e ci dirigiamo decisi verso il confine con il Botswana, dove arriviamo dopo 25 km. La burocrazia e' abbastanza veloce e dopo altri 10 km pieghiamo verso destra. La strada e' ancora asfaltata ma ben presto diventa una larga e comoda sterrata; incontriamo poche auto e ci riempiamo gli occhi di questo caldo colore rosso del fondo sabbioso della pista.
Incontriamo qualche sperduto villaggio e ci fermiamo per osservare le case e la gente che timidamente si avvicina. Le capanne sono di fango, circolari, piccole ed hanno il tetto a punta di paglia gialla; le persone indossano vestiti occidentali, magliette colorate con spesso la stampa di una qualche associazione benefica. Nessuno parla l'inglese, neppure i piu' giovani, allora tiriamo fuori una mappa, cosa che li affascina sempre, e li facciamo ridere con la nostra pronuncia quando proviamo a dire il nome di una localita' nei dintroni ! Ad ogni modo le informazioni che ci scambiamo a gesti sono fondamentali perche' solo col gps risulta complicato trovare la pista giusta quando si attraversano questi villaggi. Non ci sono cartelli, infatti, e ci sono miriadi di tracce parallele sulla sabbia che magari portano solo ad un pollaio o sotto la chioma di un grande albero dove si ritrova il villaggio intero nelle lunghe serate estive.
Proseguiamo sulla pista giusta e poco dopo ci fermiamo per mangiare qualcosa. Osserviamo in silenzio il mondo attorno a noi, felici di essere nuovamente in mezzo alla natura, soli ed in silenzio. Questo stato di calma ci rilassa e ci ricarica al tempo stesso ! Ad un certo punto iniziamo a vedere un puntino che si avvicina sulla pista: sembra troppo piccolo e lento per essere un'automobile e naturalmente questo particolare focalizza la nostra attenzione nei minuti che seguono ! Con calma iniziamo a fare delle ipotesi: un carretto, un animale, una bicicletta ... alla fine si rivelera' un anziano dal viso nero e grinzoso con un grande cappello di paglia, in groppa ad un asinello e con un secondo piu' giovane asino alle spalle ! Si ferma, non parla niente al di fuori del suo idioma a noi perfettamente sconosciuto, ma riusciamo a capire che e' preoccupato perche' pensa che siamo rimasti senza benzina ! Lo rassicuriamo e poi ci scambiamo grandi sorrisi, tanto basta per rendere indimenticabile l'incontro. Gli diamo una bottiglietta d'acqua e restiamo in silenzio ad osservarlo mentre si allontana su una strettissima pista che si perde nella savana gialla sulla nostra sinistra. Chissa' dove va ? E chissa' da dove viene ?
Anche noi ci muoviamo; dopo un paio d'ore notiamo che la pista larga di poco fa si e' lentamente trasformata: ora ci sono due piste piu' sottili che corrono parallele, risalgono e poi ridiscendono basse colline sabbiose ed ognuna rappresenta un senso di marcia. Guai a sbagliarsi: anche se quella di destra sembra essere migliore, si deve rimanere su quella di sinistra perche' se capita (raramente direi, ma puo' capitare !) di incrociare un altro mezzo saremmo noi nel torto !
La nostra cartografia ci indica una pista minore che va verso est, ovvero verso la nostra meta di questa sera, il pan chiamato Masetleng. Si tratta di una bella scorciatoia, visto che sta lentamente ma inesorabilmente avvicinandosi la sera e mancano ancora diversi km all'arrivo. Le piste, infatti, sono piu' lente di quanto avevamo immaginato e questo significa che le prime tappe risultano un po' forzate: partenza molto presto al mattino ed arrivo a destinazione praticamente col buio. Non e' raccomandabile viaggiare col buio, per diversi ovvi motivi, ed e' proprio per questo che cerchiamo di trovare la scorciatoia per il Masetleng pan. Il primo tentativo fallisce miseramente: la pista si dirige perfettamente verso la meta, ma dopo pochi km finisce in prossimita' di un manufatto di cemento. Una cosa pero' abbiamo imparato da questo errore: i piloncini di cemento colorati di azzurro che si incontrano lungo le piste stanno ad indicare... ...continua sul nostro Libro Botswana

Martedi' 1 Agosto
Nell'immensa notte una piccola sveglia suona: usciamo dalla nostra calda tenda e scopriamo che fa ancora piu' freddo di ieri sera. Colazione intirizzita mentre il sole tenta di superare la spessa cortina di nubi a levante.
Prima di partire ci addentriamo a piedi sulla crosta arida e grigiastra del pan che scricchiola allegramente sotti i nostri passi. Mentre procediamo osserviamo le nostre ombre che si allungano a dismisura davanti a noi; il sole, infatti, e' finalmente giunto a pennellare di morbida luce questo mondo solitario; il silenzio e' ancora perfetto. Non ci sono uccelli o altri animali poiche' non troverebbero acqua qui. Solo un grosso uccello, o almeno tale ci e' sembrato, e' venuto durante la notte a farci visita: ci siamo svegliati di soprassalto quando e' atterrato sul tetto della tenda e siamo rimasti muti con gli occhi sbarrati nel buio ad ascoltare il suo becco duro tamburellare sulla tela impermeabile tesa sopra le nostre teste. A dire il vero non capivamo di che cosa diamine si trattasse ... finche', dopo pochi minuti, ha iniziato a sbattere le ali e si e' immediatamente alzato in volo !
Prepariamo dunque il fuoristrada e ci mettiamo in marcia, le giacche a vento ancora strette addosso. Torniamo in breve sulla pista abbandonata ieri sera sul terreno bruciato e subito il colore dominante torna ad essere il marron. Ben presto comunque tornano i cespugli e l'erba gialla: qui l'inferno delle fiamme non e' arrivato. Un'ora di marcia e siamo di nuovo sulla pista a due corsie che chiamiamo scherzosamente "l'autostrada" ! Questa ci conduce verso sud-est, passando accanto ad alcuni villaggi di capanne sparse. Presso uno di questi ci fermiamo e lasciamo il tempo ai timidi abitanti di prendere coraggio e venire verso di noi. Finalmete si avvicinano imbarazzate alcune donne, avvolte in colorate coperte di lana: sorridono e ci mostrano alcuni oggetti artigianali davvero curiosi. Un grande uovo di struzzo decorato con disegni infantili, bracciali e collane di perline bianche e nere ricavate sempre dal guscio di uova di struzzo. Le perline sono perfette, quasi tutte grandi uguali, forate nel centro con strumenti rudimentali e con una pazienza infinita ! Compriamo una collana composta da quattro fili di perline intrecciati fra loro, un capolavoro dall'odore acre e persistente che ci seguira' per tutto il viaggio !

Proseguiamo la pista e ci fermiamo spesso per osservare il cielo che oggi e' magnifico: enormi batuffoli di candido cotone galleggiano in un blu impressionante e l'aria fresca rende tutto talmente nitido e vicino che sembra di poter toccare con un dito queste nuvole !
Ci fermiamo anche per fotografare un curioso cartello stradale che intima di non superare i sessanta km orari ... e come sarebbe mai possibile ? Il fondo sabbioso e le cunette durissime sotto le gomme ci impongono velocita' assai piu' ridotte ! Queste cunette sono le discariche delle tane degli "xero del Sudafrica", grossi scoiattoli che pare si divertano un mondo a scavare le loro case proprio nella sabbia ai lati delle piste: la sabbia buttata fuori si deposita in piccoli mucchietti che si compattano sotto le gomme delle poche auto che di qui transitano e diventano duri come sassi !
Ma e' anche un altro il motivo per cui procediamo lentamente: gli "uccellini giocherelloni" ! Da queste parti, infatti, vivono piccoli uccelletti con una singolare passione: al passaggio di un'automobile, si lanciano davanti al muso della stessa, piu' o meno all'altezza dei fanali, e mantenendosi sempre a circa due metri di distanza, svolazzano come forsennati in una sorta di prova di coraggio finche' non decidono che il gioco e' durato abbastanza e allora virano repentinamente a destra o a sinistra uscendo immediatamente dalla nostra vista ! Ce ne sono talmente tanti che si danno il cambio in questo gioco strampalato che andare forte sarebbe un vero attentato alla loro incolumita'. Non li dimenticheremo mai ... mai vista una cosa simile !
Ci fermiamo a meta' giornata per un pranzetto a bordo pista, non prima di aver riempito il fuoristrada di legna: in questa zona ci sono molte acacie e ci sono parecchi rami o addirittura interi alberi a terra, secchi e pronti per essere raccolti. Il fuoco sara' un amico fondamentale durante il nostro soggiorno in Botswana, ci terra' compagnia nelle serate solitarie, terra' lontane le fiere, dara' vita a tutta un'altra atmosfera e, come abbiamo detto la prima volta che l'abbiamo acceso, anche a tutta un'altra temperatura !!
Nel pomeriggio la pista diventa, se possibile, ancora piu' bella: in taluni punti risulta come scavata nell'immensa pianura ricoperta di rigogliosa erba gialla, tanto che per godere del panorama si deve risalire il fianco sabbioso della sede stradale. Da qui sopra il nostro sguardo si perde all'infinito e mentre un vento fresco ci scompiglia i capelli, osserviamo l'effetto sorprendente di questo sull'erba. E' come se un'enorme mano trasparente accarezzasse il manto erboso dando luogo ad un'onda dolce e suadente che staremmo ore a guardare. E invece torniamo in auto, la meta e' ancora lontana e non abbiamo ancora preso la mano con le distanze ed i tempi di percorrenza !
E' infatti solo nel tardo pomeriggio che il nostro fedele gps ci segnala che siamo sulla pista che ci porta dritti all'ingresso del parco Mabuasehube. Questa riserva copre una superficie di circa 1800 km quadrati e si sviluppa attorno a tre sistemi di saline fra le quali si trovano splendide dune di sabbia rossissima: lo stesso nome del parco significa, nel gergo locale, "terra rossa".
Nella giornata di oggi abbiamo percorso qualcosa come 240 km e non abbiamo incontrato nessuno lungo le piste. Ci domandiamo dunque che cosa troveremo nel punto che il gps ci segnala come "gate" del parco. Siamo in mezzo alla savana, isolati dal resto del mondo, nessun grosso paese o citta' nel giro di centinaia di km, nessuno per strada ... sembra improbabile che ci possa essere qualcuno proprio qui. Ed invece... ...continua sul nostro Libro Botswana

Mercoledi' 2 Agosto
Sveglia poco prima delle sette, accensione del fuoco, colazione. Alcuni uccellini tondi come palline da tennis e con il petto rosso vengono vicino al nostro accampamento e svolazzano curiosi fra i rametti dei cespugli. Sono loro a darci il buongiorno oggi !
Ci addentriamo dunque nel parco che non e' recintato, come del resto tutti i parchi in Botswana, per cui gli animali possono tranquillamente andare e venire senza trovare ostacoli di sorta: le saline di quest'area rappresenta per loro una fonte indispensabile di sali minerali. Il terreno si alza in dune di sabbia rossa che si elevano sulla onnipresente savana e le piste che seguiamo ci portano ora in alto a seguire il loro profilo, ora in basso a seguire il perimetro delle depressioni saline. I pochi incontri ci emozionano: un orice con una delle due lunghe ed affilate corna troncata ed un raficero campestre che anziche' fuggire come un razzo alla nostra vista si sdraia a dieci metri da noi a ruminare beatamente.
Il cielo e' completamente coperto e soffia ancora il vento gelido proveniente da sud. Con il passar delle ore, pero', le nuvole si disgregano lasciando sopra le nostre teste un fantastico cielo blu. Durante una sosta per ammirare il panorama di una salina dall'alto, ci accorgiamo della presenza di due uccelli molto diversi fra loro che dondolano seguendo i movimenti dei rami mossi dal vento. Sono vicini e non si disturbano affatto: restiamo ammaliati ad osservarli per un quarto d'ora con i binocoli: uno dei due e' un goffo tucano con un grande becco giallo ricurvo mentre l'altro e' coloratissimo, tondo ed all'apparenza morbidissimo: lo soprannominiamo "uccellino della pace" per i colori di cui si veste !
Continuiamo ad esplorare il parco e nel primo pomeriggio giungiamo alla nostra piazzola: si trova in una splendida posizione con la vista proprio sul pan Mabuasehube, ovvero quello che da' il nome all'intero parco. Un'enorme distesa gialla e rosa che accoglie numerosi gruppetti di struzzi, gnu, orici e springbok !
Appena giunti, ancor prima di scendere dall'auto, ci sentiamo osservati. Sul limitare della zona sabbiosa rialzata che rappresenta la nostra piazzola, notiamo una ventina di animaletti alti poco piu' di due spanne, color nocciola, ritti sulle zampette posteriori ed immobili che ci guardano con occhietti sgranati: si staranno domandando chi puo' essere a disturbare ed invadere il loro territorio ! Sono dei bellissimi e dolci xero del Sudafrica, gli stessi scoiattoloni che costruiscono le loro tane sulle piste: finalmente li vediamo questi ingegneri del sottosuolo ! Per timore di spaventarli scendiamo lentamente dall'auto senza sbattere gli sportelli poi ci sediamo a terra sperando di incoraggiarli ad avvicinarsi un po' e poterli cosi' meglio fotografare .... paura quelli ?? Ma quando mai ?? Fanno i primi passi timidamente, poi si avvicinano un poco piu' decisi scambiandosi continui richiami, quindi si lanciano letteralmente su di noi, ci danzano intorno, allungano le loro manine, danno morsicotti alle nostre dita con una confidenza ormai assodata ! Siamo stupiti e divertiti, mai ci saremmo aspettati tale accoglienza !

Preparando il pranzo, a base di piadina e formaggio, gli xero continuano a ronzarci intorno tenendoci grande compagnia. Per appropriarsi di qualche pezzettino di piadina arrivano perfino ad arrampicarsi sulle nostre gambe per accedere al piano del tavolo, insomma, tutt'altro che timidi questi scoiattoloni !
Lentamente si uniscono alla compagnia dei simpatici tucani, curiosi di capire se c'e' qualcosa anche per loro ! Ce ne sono di due tipi: alcuni sono piu' grandi, meno timidi, col piumaggio scuro puntellato di bianco, le code lunghe che li impacciano leggermente quando saltellano a terra. Gli altri sono piu' silenziosi, educati, piu' piccoli ma piu' rotondi degli altri, col piumaggio grigio puntellato di bianco.
Assistiamo ad una scenetta degna di un cartone animato: uno xero si sgranocchia beato il suo pezzo di piadina quando improvvisamente atterra a pochi centimetri un tucano scuro. Questo, del tutto indifferente e senza guardare lo xero, lentamente gli si avvicina con un'aria ingenua come se dovesse guarda il caso proprio proprio passare di li': lo xero, senza smettere di mordicchiare la piadina e con i baffetti tremolanti , lo guarda a meta' fra il preoccupato e l'implorevole ( .... non vorrai rubarmi il pasto, vero ? ... vero ???!....). Un istante solo ... e il tucano con un abile balzo si impossessa di un pezzo di piadina ! Ora lo xero si volta di nuovo verso di noi: rassegnato continua imperterrito a sgranocchiare il suo pezzetto decisamente piu' piccolo di piadina, mentre il tucano si ferma giusto il tempo per farsi immortalare dalla mia macchina fotografica con la sua conquista nel becco, poi vola via soddisfatto !
Ad un certo punto, mentre Taddy schiaccia un pisolino in amaca, io decido di sistemare le stoviglie ... ma mi sento osservata. Questa sensazione non e' proprio piacevole in mezzo ad una savana selvaggia, per cui mi immobilizzo con tutti i sensi all'erta ed inizio a scrutarmi attorno: l'aria e' immobile da quando il vento ha smesso di soffiare, l'atmosfera e' come sospesa, nulla si muove, anche gli xero e gli uccelli si sono ritirati dopo l'inaspettato pasto. Gli altri animali sul pan sono troppo distanti per poter udire i loro movimenti e qui intorno c'e' solo silenzio. Trattengo anche il mio respiro, pronta a gettarmi dentro lo sportello aperto del fuoristrada ... quando un lieve movimento a sinistra attira la mia attenzione: a terra, ad una distanza di non piu' di due metri, un tondo tucano grigio se ne sta fermo a guardarmi, curioso, non in cerca di cibo, semplicemente mi osserva. Sorrido sollevata e riprendo a riordinare le stoviglie: il tucano segue ogni mio gesto con un lieve e dolcissimo movimento della testolina col suo lungo becco giallo ricurvo !
Nel pomeriggio si avvicina alla nostra postazione una jeep: a bordo c'e' un ranger che ci saluta, si informa se va tutto bene e poi ci dice che questa notte saremo gli unici turisti dentro al parco !!!
Verso le quattro risaliamo in auto e torniamo... ...continua sul nostro Libro Botswana

Giovedi' 3 Agosto
Sveglia anche oggi alle sette: il cielo e' completamente sereno. Alle otto siamo al gate, firmiamo il librone delle uscite e salutiamo questo bel parco. Negli ultimi anni pochissimi italiani sono transitati di qua.
La pista e' sabbiosa e larga, con due corsie, filiamo a 40/60 km orari. Deviamo verso est; prima breve pausa per rifornirci di legna (che si puo' raccogliere solo fuori dai parchi), seconda breve pausa per fare colazione, terza breve pausa per salutare due jeep di sudafricani che procedono in senso opposto al nostro e che ci salutano con un sublime "... enjoy Africa !!".
A meta' mattina, dopo aver superato una zona pianeggiante ricoperta di secchi cespugli color rame sullo sfondo grigio della terra, all'improvviso la pista peggiora rallentando di parecchio la nostra velocita'. Ci sono infatti infinite serie di cunette alternate a dossi che trasformano l'abitacolo del pick-up in qualcosa di piu' simile ad un cavallo impegnato in un pazzo rodeo: ci mancano solo una musichina country ed un cappello sventolato per aria e siamo a posto !! La pista inizia poi a salire ed il fondo sabbioso costellato di profonde impronte di zoccoli bovini rallenta ulteriormente la nostra andatura. Quando giungiamo sull'asfalto a livello di un villaggio non segnato sulla nostra mappa, tiriamo un sospiro di sollievo ed i nostri orologi segnano gia' le 12 e 30.
L'asfalto ci porta a Khakhea che superiamo senza fermarci. Proseguiamo verso Sekoma, dove secondo la nostra mappa dovrebbe esserci un benzinaio. Non trovandolo, chiediamo informazioni ad un uomo alla guida di un camion per il trasporto del carburante fermo ad un incrocio. Questi ci dice che qui non ci sono distributori e va a chiedere ad altre persone dov'e' quello piu' vicino. Scende e si avvicina, seguito da me, ad una fila di capanne di lamiera dove alcune persone stanno, apparentemente senza nulla da fare, a fumare e a guardarsi intorno. La loro risposta e' che a Juaneng c'e' un benzinaio, 86 km verso est da qui. Noi dovremmo trovare ed imboccare una pista che da qui vicino si diriga direttamente verso nord, per poter raggiungere prima del buio la riserva di Kutse; non essendo condizionati alla benzina avremmo deciso di posticipare il rifornimento e domandiamo alle persone se conoscono la pista che interessa a noi. Ci rispondono che... ...continua sul nostro Libro Botswana

Venerdi' 4 Agosto
Al freddo pungente della mattina rispondiamo con una stupefacente doccia calda bollente nel bagno di uno dei bungalow (veramente belli, sia dentro che fuori !). Ne usciamo rinati ! Colazione all'aperto sul bordo della piscina, giro per scattare alcune foto ricordo, saldo del conto quindi partenza. Dopo un tentativo - fallito - di acquistare legna presso un minuscolo villaggio (gli uomini l'avevano finita e non avevano alcuna voglia di andare a cercarne per noi !!) ci dirigiamo verso il gate della riserva fermandoci tre volte a raccogliere legna con la nostra accetta: l'antica arte dell'arrangiarsi torna utile anche qui ! Con il pick-up pieno di rametti e radici secche, entriamo nel Kutse. Paghiamo circa 40 euro per la prossima notte all'interno del parco. Quasi subito incrociamo una jeep, poi piu' nulla fino alla piazzola KH20, dove un vero e proprio accampamento di sudafricani ci coglie alla sprovvista: 8 tende a terra, 3 jeep e filo per stendere il bucato ! Stanno qui tre giorni per dirigersi poi a nord, verso il Central Kalahari dove invece noi siamo diretti domani mattina. Ci indicano sulla mappa la pozza d'acqua dove oggi hanno avvistato due grossi leoni: e' poco distante cosi' decidiamo di andarci subito. Ovviamente quando arriviamo noi il posto e' deserto ! Lungo la stessa pista incontriamo un'altra pozza dove scorazzano alcuni splendidi orici dal portamento fiero.
Proseguiamo la pista e ci fermiamo a pranzare in una piazzola, null'altro che uno spiazzo rotondo rubato alla savana che qui intorno si presenta come una distesa di altissima erba gialla. Ci sentiamo in effetti un po' chiusi qui dentro, senza panorama e con l'idea di vedere in ogni istante sbucare un felino affamato dall'erba alta, ma lungo la pista non ci si puo' fermare senza bloccare la strada a qualche altra jeep. Il pranzo sara' veloce !
Arriviamo nel tardo pomeriggio alla nostra piazzola che si trova in posizione sopraelevata sul pan asciutto. Orici, struzzi e springbok, ma niente leoni. Anche per tutto il pomeriggio, scorazzando sulle piste della riserva, abbiamo sperato di avvistare qualche felino, senza successo.
La temperatura e' decisamente piu' mite degli ultimi giorni e ci godiamo il bel fuoco prima di ritirarci.

Sabato 5 Agosto
Al mattino diamo un'ultima occhiata al pan, niente leoni: possiamo partire. Oggi attraverseremo il Kalahari, una delle zone piu' inospitali e deserte del Botswana, una distesa di sabbie antichissime coperte di vegetazione. E' in assoluto l'area protetta piu' vasta di tutto il continente africano e copre la ragguardevole superficie di quasi 53 mila km quadrati !
Il popolo dei San che abitava qui dice che di notte, nel Kalahari, si sentono cantare le stelle. E deve essere cosi' per forza, visto che il silenzio e' pressoche ' assoluto soprattutto nella stagione secca. Anche gli animali, infatti, preferiscono spostarsi verso nord dove aumenta la possibilita' per loro di trovare l'acqua. Uscendo dal Kutse, che fa comunque parte del piu' vasto parco del Cental Kalahari, un cartello di legno posto virtualmente sul suo confine cita: Xade 250 km. La traversata sud-nord ci impegnera' l'intera giornata, dall'alba al tramonto, con picchi di velocita' massima intorno ai 35-40 km orari. In taluni punti si abbassera' effettivamente fino a 20 km orari, specialmente negli ultimi 30 km a causa di cunette e dossi molto ravvicinati.
La vegetazione che ricopre la sabbia muta di aspetto di ora in ora: cambia l'altezza ed il numero delle acacie, dei cespugli arsi e spinosi, si attraversano immense praterie di sottili fili d'erba gialla piegati dal vento, si percorrono veri e propri filari di alberini dalle foglie sorprendentemente verdi che ricordano i nostri frutteti.
Incontriamo lungo la pista un minuscolo villaggio, chiuso in un recinto di fascine. All'interno giacciono alcune capanne di paglia e fango e sembra deserto. Dopo un paio di minuti, pero', notiamo un paio di teste sbucare da una capanna; sono due donne che vengono molto timidamente verso di noi. Con loro c'e' una bambina che sembra quasi spaventata. Noi siamo gentili, sorridiamo e cerchiamo di salutarli: questo basta a far sciogliere un poco la loro diffidenza ed iniziano lentamente a sorridere anche loro. Si avvicina alle nostre spalle un uomo, forse il capo del villaggio ormai ridotto forse a una o due famiglie: ha un'accetta in mano e ci chiede del latte. Noi abbiamo solo dello yogurt alla banana e loro lo accettano e scoppiano questa volta a ridere tutti quanti insieme all'idea di bere del latte alla banana, forse non hanno idea di cosa sia lo yogurt !!
Dopo questo villaggio non ne incontreremo altri, sebbene la nostra mappa ne indichi diversi nei pressi della pista e questo ci fa riflettere su un'amara realta'.Un tempo, questa era la terra dei boscimani, un fiero popolo di cacciatori e raccoglitori che ha vissuto qui per migliaia di anni, in equilibrio perfetto con la dura natura che rappresentava assolutamente tutto per ciascuno di loro. Poi e' arrivato l'uomo bianco e tutto e' andato lentamente sciupandosi. Sono nati i pascoli per il bestiame domestico, le riserve di diamanti, la caccia grossa ed indiscriminata che ha decimato gli animali che i boscimani cacciavano unicamente per il loro sostentamento, il bracconaggio. Per questi motivi il governo, con la scusa di tutelare la fauna selvatica, ha trasferito forzatamente interi villaggi verso il nord, soprattutto a Xade. Devono integrarsi, e' stato detto, e l'unica cosa che hanno ottenuto e' far diventare questi fieri uomini della savana servi dell'uomo bianco negli allevamenti dei coloni. Un'altra vergogna, un altro sopruso, un'altra prepotenza ai danni di un popolo che e' stato quasi cancellato.
Noi pero' abbiamo visto che qualcuno ancora resiste, nonostante le nuove leggi e persevera a vivere la propria vita nella propria terra a proprio modo !
Torniamo sulla pista: alcuni tratti con sabbia profonda vengono agilmente superati in seconda, per il resto e' quasi del tutto di terra battuta e corre in pianura anche se uno strano fenomeno allucinatorio... ...continua sul nostro Libro Botswana

Domenica 6 Agosto
La temperatura e' tornata ad abbassarsi: al nostro risveglio abbiamo scoperto che la condensa all'interno della tenda si e' solidificata formando uno strato di ghiaccio !
Alle otto partiamo in direzione Letiahau ma il panorama e' piuttosto monotono. In prossimita' del Piper Pan ci si presentano due loop: lungo il primo notiamo enormi impronte di leone proprio sulla sabbia chiara della pista. Corriamo attorno ad un mare circolare di erba gialla, enormi termitai grigio chiaro simili a troni svettano sul terreno pianeggiante e splendidi alberi detti "ghost trees" (alberi fantasma) ci rallegrano la vista con i loro intrichi di rami dalla corteccia levigata e rossastra !
Lungo il secondo e piu' breve loop non avvistiamo nulla di particolare.
Torniamo sulla pista principale verso Letiahau, dove dopo aver incrociato una jeep che non si ferma neppure mezzo secondo per salutarci (viene spontaneo fermarsi e fare due chiacchiere con quei pochi esseri umani che si incontrano a queste latitudini ... ma probabilmente non e' cosi' per tutti !) incontriamo due dolcissime giraffe solitarie ! Chissa' cosa mangiano qui ? Non ci sono alberi alti, solo erba e cespuglietti bassi.
A meta' pomeriggio arriviamo a Lepobolobolo, ovvero il nostro campo di questa notte (CKL3). Si trova sotto un magico boschetto di alte acacie verdi che vediamo avvicinarsi nella savana come un miraggio; i raggi del sole calante penetrano fra i rami colorando di un giallo arancio l'erba a terra ed il gioco di luci ed ombre fanno di questo posto un luogo fatato. A renderlo poi ancor piu' magico, inizia dopo il tramonto un concerto impressionante di mille grilli (o qualcosa di simile !) che cantano all'unisono dando vita ad una colonna sonora senza eguali !

Lunedi' 7 Agosto
Con le dita ancora ghiacciate per aver lavato i piatti della cena, saliamo sulla jeep e partiamo sulla pista lasciata ieri sera. Incontriamo altri boschetti di acacie attraversando la vasta Deception Valley. Avvistiamo due sciacalli, uno strano e non identificato animaletto peloso impegnato a scavare con i lughi artigli affilati, un numeroso gruppo di gnu, molti springbok vicini alla psta.
Poi iniziano grosse buche tanto che in certi punti sono nate piste altrenative per evitare zone davvero disastrate.
Molte volte le nostre narici avvertono un odore acre e persistente: ci piace pensare che siano i leoni che marcano il loro territorio e ridiamo divertiti quando ci accorgiamo che abbiamo entrambi il viso fuori dal finestrino ad aspirare avidamente questo odore che per noi e' profumo ! Peccato non poterne portare a casa un po' ... il tempo affievolira' fino a far scomparire questo ricordo.
Sul finire del parco si giunge ad un desolato "ufficio turistico" con tanto di capanne chiuse e di tettoia sotto cui sono esposti i crani di alcuni degli erbivori che popolano questa regione oltre al bacino enorme di due giraffe e tre carapaci di tartarughe lunghi almeno 30 cm !
Dopo questo posto la pista si trasforma in un susseguirsi di dossi ampi e morbidi che trasformano l'auto in un motoscafo che solca le onde. Ci sono anche moltissimi alberini in questa zona tanto che si ha l'impressione di attraversare un bosco. All'improvviso eccoci davanti al gate di uscita dal parco, dove un ragazzone nero, solo ed abbandonato, ci fa firmare il solito registro. Proseguiamo per fermarci poco dopo per un pranzo frugale. Quando ripartiamo guadagnamo in pochi chilometri l'asfalto, dove fotografiamo con un certo orgoglio l'enorme cartello che indica che abbiamo portato a termine la traversata del mitico Central Kalahari !
Nel paese di Rakop facciamo benzina ad una spettacolare pompa a mano, roba d'altri tempi e d'altri mondi ! Dato che il serbatoio del nostro mezzo contiene benzina per quasi 800 km, la ragazza dal grande cappello di paglia come unica ombra fa una gran fatica. Decidiamo non senza divertimento di darle il cambio e lei accetta molto volentieri: e' veramente faticoso ... dopo pochi minuti abbiamo il fiatone ! Si raduna ben presto un folto gruppo di bambini incuriositi dallo strano spettacolo e il tutto finira' con qualche fotografia ed una bottiglietta di fresco succo di frutta !
Ne approfittiamo anche per acquistare qualcosa da mangiare e da bere nel piccolo negozio lungo la strada e poi riprendiamo il nostro peregrinare. Seguiamo ancora il nastro di asfalto e poi inbocchiamo la pista che ci conduce sul far della sera al Xwaraga Campsite, adiacente al Leroo-La-Tau Safari Lodge. Lungo l'ultimo tratto della stretta pista chiusa fra gli alberi, facciamo un incontro sensazionale: una donna tutta vestita di sgargianti colori che porta in bilico sulla testa un'enorme fascina di legna. Noi ci fermiamo, lei si ferma, iniziamo a "dialogare" come solo fra persone che non hanno nessuna lingua in comune puo' avvenire e a forza di gesti e di risate riusciamo a donarle un pacchetto di farina che le da' una gioia immensa: la guardiamo allontanarsi mentre continua a ridere come una matta finche' non sparisce fra gli alberi !
Al lodge non ci prendono neppure per la cena: sono pieni pieni. Cosi', dopo aver occupato una piazzola all'adiacente campsite, ci concediamo una doccia alle rustiche toilette e poi andiamo comunque a fare un giro nel lodge. La cosa incredibile di questo posto e' che... ...continua sul nostro Libro Botswana

Martedi' 8 Agosto
Oggi attraverseremo la riserva chiamata Makgadigali, sul cui terreno si trova il campeggio dove abbiamo appena dormito. Dal campeggio, pero', per entrare nella stessa riserva bisogna dapprima uscire, percorrere una pista che corre fra due alte recinzioni elettrificate e solo dopo alcuni km entrare attraverso un cancello con il chiavistello ricoperto di spessa gomma all'interno della riserva. Il gate dove pagheremo 290 pula per il permesso di attraversare in giornata la riserva si trova qualche km piu' in la'. Un ranger ci da' la mappa su cui poi ci indica i punti migliori dove scendere al fiume per poter vedere gli animali. Qui abbiamo imparato che entrare in una riserva in Botswana senza la prenotazione non si puo' se si vuole passare li' dentro una o piu' notti (se poi ci sono dei posti disponibili ti fanno entrare comunque ma e' un rischio nei periodi di alta stagione visto che sono in genere pochissime le aree dove si puo' campeggiare !!) mentre si puo' tranquillamente se si vuole semplicemente attraversarla in giornata.
Vorrei soffermarmi un attimo sulla recinzione elettrificata. Questa lunghissima rete, alta piu' di due metri, venne fatta costruire dal governo nel 1954 per un motivo specifico: salvaguardare la selvaggina dalla possibilita' di contrarre l'afta epizzotica che colpiva in maniera sorprendente i capi di bestiame degli allevatori. Si decise che tale barriera avrebbe diviso fra loro i pascoli degli stessi allevatori - che ovviamente si accaparrarono il nord del paese, piu' ricco d'acqua e dunque piu' fertile - ed i territori selvaggi dove la fauna selvatica avrebbe vissuto "protetta" dall'incubo dell'afta. Quasta idea, che parti' come un buon proposito nei confronti della selvaggina, divenne invece una trappola mortale per migliaia e migliaia di animali che, durante i periodi di grande siccita', come ad esempio quello del 1983, cercarono disperatamente di raggiungere le zone piu' settentrionali dove il loro codice genetico ricordava esserci acqua e dunque vita, per poi morire tutti lungo questa terribile rete. Sono purtroppo famose le foto strazianti di tanti animali morti stecchiti sotto la rete con le pozze colme d'acqua dall'altra parte. Ebbene, sono diversi anni che i movimenti ambientalisti, come ad esempio Conservation International, cercano di dialogare con il governo del Botswana proponendo l'attuazione di "canali" che consentirebbero i flussi migratori della fauna selvatica durante i periodi peggiori ... ma ancora nulla si e' mosso in questo senso. E sapete qual'e' la cosa piu' assurda ? Che non e' ad oggi stata ancora appurata scientificamente la possibilita' di trasmissione dell'afta epizzotica fra specie domestiche e specie selvatiche .... roba da fare accaponare la pelle ....
Con questi tristi pensieri in testa, e con la visione proprio dello scheletro di una zebra sulla pista che stiamo percorrendo fra le due alte reti metalliche, penetriamo nella riserva Makgadigali. Percorriamo la pista sabbiosa dapprima in pianura, poi in discesa ripida verso il letto del fiume Boteti attraverso l'accesso indicatoci dal ranger. Giunti qui, ci fermiamo subito e spegnamo il motore: una fila lunghissima di gnu si sta compostamente dirigendo verso una pozza alla nostra sinistra: restiamo con le narici e le orecchie aperte a vivere questo angolo di mondo preistorico, dove solo noi siamo gli intrusi. Ci siamo infatti mossi abbastanza presto questa mattina e non incontriamo altri veicoli in tutta la riserva. Quando gli gnu sono passati, con cautela attraversiamo la valle fluviale seguendo sempre le tracce che costituisco la pista principale. Ora, alla nostra sinistra c'e' un folto gruppo di zebre e di gnu che si mescolano tranquillamente fra loro: sembrano persone che passeggiano per le vie pedonali di una grande citta'. Ogni tanto si sente il lamento di un cucciolo che chiama la mamma e fa una gran tenerezza !
Proseguiamo lungo la pista ed arriviamo in un luogo che sulla mappa e' descritto come "Hippo Pool": c'e' una pozza abbastanza grande d'acqua che riflette il blu del cielo e sulla riva opposta a quella dove ci troviamo noi notiamo quattro enormi sassi grigi e levigatissimi ... che si rivelano essere, ad un esame piu' attento col binocolo, quattro ippopotami stravaccati ed immobili ! Solo una codina o una piccola orecchia sventola ogni tanto per scacciare qualche insetto noioso.
Torniamo sulla pista che corre in alto e che percorre verso nord la riserva. Sul fondo sabbioso incontriamo spesso impronte e cacche di elefante, ma dei pachiderma per ora nessuna traccia ! Alcuni Kudu femmina fanno capolino fra gli arbusti ed e' sempre una gioia vederli !
Ad un certo punto, sulla pista vediamo due uomini venirci incontro: sono a piedi ed il piu' giovane ha un bastone in spalla con una bottiglia d'acqua che pende all'estremita' posteriore. Siamo stupiti, che ci fanno due persone a piedi in una riserva ? O sono indigeni oppure sono ... bracconieri. Ci si gela il sangue quando per un attimo confondiamo il bastone del giovane con un fucile ! Ed invece si tratta di due allevatori che hanno perso due delle loro capre: qualcuno le avrebbe viste addentrarsi quella stessa mattina nella riserva e ci domandano se per caso le abbiamo viste. Povere bestie, crediamo che non abbiano fatto una bella fine ...
Poco dopo questo insolito incontro raggiungiamo l'asfalto: la riserva e' finita e da questa parte non ci sono ne' sbarre ne' gate. Voltiamo a destra.
Pochi km ed imbocchiamo una nuova pista che si dirige decisa, larga, sabbiosa e piatta verso la riserva Nxadi. Si rivelera' abbastanza deludente: l'unica pozza e' secca, ci sono solo pochi scheletrici springbok e due sciacalli che attendono solo che una delle loro prede si sdrai sfinita dalla sete. Dove la pista compie un anello che si chiude su se stesso, pranziamo all'ombra: c'e' un caldo allucinante. Poi, dopo un caffe' che speriamo ci doni un poco di energia per arrivare sani a sera, usciamo dalla piccola riserva Nxadi e percorriamo a ritroso una parte della pista larga, sabbiosa e piatta che ci ha condotto qui. Dopo 17 km pieghiamo a sinistra, direzione: Baine's Baobab. La pista attraversa distese piatte di gialla erba accarezzata dal vento per poi scivolare accanto a sorprendenti ed abbaglianti "salar" di forma piu' o meno circolare di un bianco che acceca ! Ne attraversiamo uno piuttosto vasto con il fuoristrada e sembra di viaggiare sulla neve ! Ad un certo punto, all'orizzonte, un miraggio di baobab rossi si rivela ai nostri occhi sbigottiti: siamo arrivati al Baine's Baobab, un boschetto microscopico di una decina di splendidi baobab che resistono uniti nel bel mezzo di questo mare di sale ! Ci portiamo a piedi nel mezzo del boschetto e restiamo come paralizzati da tanta meastosita': ci sentiamo piccoli esseri insignificanti mentre questi giganti ci guardano benevoli dall'alto delle loro migliaia di anni. Abbiamo letto che la crescita di questi alberi e' piuttosto rapida nei primi 270 anni, poi rallenta moltissimo; fioriscono fra ottobre e dicembre ma i loro grandi fiori bianchi stanno aperti solo 24 ore ! La leggenda vuole che il Creatore si arrabbio' moltissimo contro questi alberi, li sradico' dal suolo e quando torno' a gettarli nuovamente verso la terra essi vi si conficcarono a testa in giu'. In effetti, sembrano proprio radici questi loro rami paffuti e levigati. I boscimani li considerano sacri e non si fermano sotto di essi a dormire.
Al di la' del boschetto torna il candido salar e noi vi viaggiamo nuovamente sopra in direzione di una seconda isoletta di terra dove e' consentito accamparsi. Ma quando arriviamo abbiamo un'amara sorpresa... ...continua sul nostro Libro Botswana

Mercoledi' 9 Agosto
Con la luce del nuovo giorno diamo un'occhiata piu' attenta al lodge. Costruito secondo l'antica architettura tradizionale degli uomini del bush, possiede un'area adibita al campeggio che dista circa 200 metri dal gate principale e dalla reception - ristorante. Il campeggio ha sei piazzole distanti fra loro (40 pula per notte) ed alcune capanne per chi non ha la tenda con se'. Queste si dividono in due tipi, uno piu' economico (130 pula) piu' semplce e spartano, ed uno piu' curato e caro (550 pula). Entrambe hanno forma conica e le pareti sono costituite di fascine di legna molto adese fra loro. Sono splendide anche le due capanne gemelle dei servizi igienici: a base circolare e del diametro di 25 metri circa, portano sulle pareti esterne disegni simbolici distinti su quella degli uomini e su quella delle donne, una fila di pali conficcati nel suolo forma una sorta di porticato che sorregge il tetto spiovente. All'interno la poca luce proviene da lampadine sulle pareti, protette da un cono di legnetti: l'atmosfera e' calda ed avvolgente. Un'isola centrale di fango compresso e lucidato tanto da sembrare ceramica accoglie su tre gradini concentrici quattro lavandini, ciascuno con la sua saponetta ed il suo picolo specchio di ferro battuto a forma di fiore. Fre i lavandini ci sono ciotoline colme di preservativi, sopra ai quali c'e' la scritta "NOT FOR SALE", un estremo tentativo di arginare quell'orrenda piaga che e' il diffondersi dell'aids fra un numero purtroppo crescente di persone qui in Botswana. Anche all'interno delle porte dei vani doccia e wc ricavati lungo la circonferenza della capanna, sta un cartello che cita: "Being HIV positive is not a death sentence. Essere positivi all'HIV non e' una sentenza di morte; vieni a fare gratuitamente il test per l'HIV presso i centri specializzati. Se diagnosticata in tempi brevi, la malattia puo' essere tenuta sotto controllo con una spesa di circa 100 euro al mese, mentre se diagnosticata tardivamente, possono essere necessari fino a 1000 euro al mese. Dopo il primo anno di contributi di spesa, il Governo paghera' per te le ulteriori spese." Purtroppo, anche 100 euro al mese sono una cifra spropositata per la maggioranza della popolazione.
Per colazione ci offrono squisiti bigne' croccantissimi appena fritti che rappresentano un ottimo inizio di giornata !!
Usciamo dal lodge e ci dirigiamo nuovamente verso Gweta; qui incontriamo non poche difficolta' a trovare la pista che abbiamo deciso di seguire. Anche il gps e' inutile poiche' partono dal paese decine di stradine che vanno nella stessa direzione, che sarebbe per noi quella giusta ma che si rivela sempre essere quella sbagliata dopo poco che ne seguiamo una ! Nel frattempo, scorazzando fra le viuzze sterrate e polverose del paesino, assistiamo a scene di vita autentica che ci stringono il cuore, come una lezione nel cortile della scuola cui partecipano indistintamente bambini ed adulti.
Chiedendo ai passanti troviamo finalmente la pista giusta (l'antica usanza di chiedere alla gente, come vedete, non si perde con l'avvento della tecnologia !!) quindi ci dirigiamo verso sud, la velocita' ridotta per la presenza di innumerevoli buche; alberini di aloe simili a palme in miniatura con un singolare ciuffo sommitale fiancheggiano la pista in diversi punti.
Incontriamo un primo gigantesco baobab che si eleva imponente sulla pianura circostante. Sui suoi rami piu' alti giace un grande nido e dentro e' accovacciato un pulcino gigante di avvoltoio: allunga il gia' lungo collo per seguire i nostri movimenti giu' in basso ed ogni tanto guarda nel vasto blu del cielo se ritorna la mamma. Che tenerezza ... decidiamo di restituirlo alla pace ed alla solitudine del suo mondo.
Proseguiamo ancora verso sud; la nostra meta e' un secondo baobab, talmente grande da essersi fregiato del nome di "faro". E lo vediamo finalmente, ci guida davvero come fosse un faro, un groviglio imponente di rami rossi che svettano sopra ai cespugli bassi della savana. Con un diametro alla base di ben 25 metri, il Green Baobab (dal nome dell'esploratore europeo che per primo lo vide) e' costituito da sei fusti fusi fra loro alla base. Su ciascuno di essi, ad una certa altezza, partono rami minori e da questi rametti piu' piccoli e cosi' via, creando un fantastico e complesso ombrello rosso. Ha una grande fessura fra due tronchi e la leggenda vuole che pioneri ed esploratori lasciassero le loro lettere proprio qui dentro, trasformando "il faro" in una sorta di "ufficio postale della savana" !
Qui vicino incontriamo tre giovani che camminano, stanno tornando al loro villaggio portando con se' alcune radici dalle quali, ci raccontano, ottengono un decotto che serve a ripulire l'intestino.
Lasciato il Green Baobab alle spalle, la pista si lancia verso un'incantevole ed abbagliante zona di grandi salar, cosi' vasta che si vede anche dalla luna. Scendiamo e camminiamo sulla crosta dura e screpolata, una distesa di zolle la cui superficie si accartoccia su se stessa per effetto della secchezza dell'aria. Durante la stagione delle piogge, questi salar si trasformano in immensi acquitrini e circolare con un'automobile diventa impensabile. Ora la stagione e' secca e la crosta di sale e' compatta e durissima.
Un giro ad anello in questa zona ci porta fin sulla sommita' di una bassa duna dalla quale si riesce a dominare l'ambiente circostante: restiamo in piedi accanto ad un paletto che forse una volta portava un cartello ed ascoltiamo per lunghi minuti il vento che spazza questa immensa distesa selvaggia.
Torniamo indietro al Green Baobab e ci fermiamo in prossimita' di due villaggi. Arrivati al primo, piuttosto grande con un grande recinto di legni tutto intorno, scendiamo ed aspettiamo che un giovane timido e serio ci si avvicini: gli domandiamo se la pista che vediamo oltre il suo villaggio conduce a Kubu Island e lui ci risponde affermativamente. Poi gli doniamo un pacco da un chilogrammo di farina ed una scatolina di fiammiferi ed il suo viso si addolcisce: accetta il nostro dono che noi consideriamo un ringraziamento per il fatto che ci lascia scorazzare sulla terra che, tutto sommato, secondo noi appartiene alla sua gente. Mentre siamo ancora in sua compagnia, alle nostrte spalle udiamo un rumore di zoccoli al galoppo e, scena degna di un vero film western, assistiamo all'arrivo di due ragazzi in sella a due cavalli con un puledro tenuto per le redini. I tre si salutano e scambiano qualche parola, al che noi decidiamo di togliere il disturbo e di lasciare questa gente alla propria vita.
Al secondo villaggio, tre sole capanne chiuse in un rudimentale recinto, ci accolgono tre giovani, l'anziana e pittoresca madre ed un dolcissimo cucciolo di cane ! Qui i cani sono tutti assolutamente identici, biondi a pelo corto, di taglia medio piccola: sono utilissimi perche' cacciano i serpenti. Questo cucciolo rappresenta un'ottima scusa per una sosta e questi tre ragazzi sono molto piu' espansivi del primo, parlano un buon inglese e da loro veniamo a sapere che si cibano di verdura che a fatica riescono a coltivare su questo terreno arido (vediamo alcune grosse zucche stese a terra fra le capanne) e che vanno a prendere l'acqua ad una pozza qui vicino. Ogni tanto vanno a piedi al paese di Gweta per il mercato.
Adoriamo questi piccoli villaggi perche' ci ricordano che esistono ancora esseri umani in grado di vivere in simbiosi con la natura senza doverla per forza modificare. Una volta ho letto da qualche parte che il grado di intelligenza di un essere vivente si misura in quanto questo riesca ad adattarsi all'ambiente circostante nelle piu' diverse situazioni. Da questo punto di vista questa gente, questi pastori, questi contadini sono di gran lunga molto piu' intelligenti di noi !
Torniamo sulla nostra pista e ben presto passiamo accanto ad una considerevole quantita' di animali domestici, soprattutto mucche: ecco la pozza alla quale vengono ad approvigionarsi d'acqua gli abitanti dei villaggi sparsi in questa zona ! Lungo la pista incontriamo anche i resti diroccati di due capanne e ci fermiamo ad osservarli da vicino: le pareti rotonde sono spesse circa quindici centimetri e sono costituite di un impasto di fango grigio e ciuffi d'erba. Non c'e' piu' traccia del tetto ma all'interno e' ancora visibile l'angolo in cui doveva esserci il focolare e sul muro una piccola sporgenza che doveva servire da mensola.
Arriviamo finalmente al cancello della riserva di Kubu Island: un guardiano viene ad aprirci e quando noi gli chiediamo quanto dobbiamo pagare, lui ci spiega che pagheremo una volta giunti all'isola. Alla nostra destra si innalza un grande cartellone con i prezzi che i veicoli e le persone devono pagare: se quest'uomo avesse voluto fare il disonesto ci avrebbe fatto pagare anche qui ... non saremmo mai tornati indietro per farci restituire i soldi ! Ma qui in Botswana corruzione e malafede presso la gente comune sono concetti che non esistono proprio: ecco perche' e cosi' facile innamorarsi di questo popolo !
La pista raggiunge in poco tempo un grande salar dal nome musicale di Sowa Pan: sviluppandosi per una settantina di km in direzione sud-nord e per circa una quarantina di km nel suo punto piu' largo in direzione est-ovest, questo immenso mare bianco accoglie lungo il suo margine sud occidentale la mitica isola verso cui siamo diretti. Rimaniamo sulle tracce ben visibili della pista bianchissima finche' vediamo stagliarsi davanti a noi un lembo di terra scura. Piu' ci avviciniamo e piu' non crediamo ai nostri occhi: Kubu Island e' favolosa. Alta non piu' di venti-trenta metri sul salar, Kubu e' un monumento nazionale ed e' protetta pur non facendo parte delle riserve nazionali del Botswana. E' selvaggissima: chiunque arrivi qui deve essere assolutamente autosufficiente e puo' rimanere a dormire in alcune zone stabilite, previo... ...continua sul nostro Libro Botswana

Giovedi' 10 Agosto
Nottata spettacolare.
Con la luce del sole questo posto perde un po' del suo fascino spettrale e misterioso ma rivela colori inaspettati e davvero unici. Quando siamo pronti per partire circumnavighiamo l'isola lungo le sue coste orientali dove splendidi baobab dal tronco rosso sangue ci salutano coi loro rami contorti protesi al cielo. A piedi risaliamo gli appena venti metri di altezza dell'isola lungo un sentiero immaginario che corre parallelo ad un muro di pietre risalente all'era preistorica, eretto da chissa' chi e chissa' perche'. Ha la forma di una mezzaluna e vi sono stati trovati accanto vari manufatti di origine tuttora ignota. La vista dall'alto e' bellissima e lo sguardo spazia sul deserto bianco che ci circonda.
Una pista diversa da quella di ieri sera ci allontana da questa meraviglia del Botswana e ci porta al gate, sulla terra "ferma". Qui pieghiamo verso est su una pista molto lenta perche' dissestata, piena di buche insidiose che si celano sotto la folta ed alta erba gialla. Venti minuti circa e guadagnamo di nuovo il salar: la pista ora piega decisamente verso nord rimanendo parallela alla terra ed inizia la navigazione sul mare di sale, candido, piatto ed accecante. Fa una certa impressione procedere su questo terreno, solido ma al tempo stesso friabile, le zolle crocchiano sotto il peso del Nissan ed il sole riflette come sulla neve. Cerchiamo di seguire le impronte di pneumatici delle poche auto che ci hanno preceduto dopo la fine della stagione delle piogge ma non sempre e' cosa facile; spesso infatti le impronte ci porterebbero verso il centro del salar, in prossimita' del cosiddetto "occhio" dove la crosta di sale e' piu' sottile. Noi scegliamo di rimanere paralleli alla terra che scorgiamo sulla nostra sinistra poiche' anche se sotto di noi il terreno e' duro e resistente non possiamo sapere cosa ci aspetta dieci o venti metri piu' a destra e quello che si rischia e' davvero eccessivo. Siamo soli qua in mezzo e la prudenza non e' mai troppa !

Sul finire della pista incontriamo delle piramidi di cemento dipinte di uno sgargiante arancione, colore molto visibile e percio' facile da seguire; alte circa un metro e mezzo e costruite nel 1988 per aiutare proprio chi si avventura su questa pista, ci terranno compagnia fino a raggiungere l'asfalto. Nel frattempo il terreno e' mutato gradualmente: lasciato il bianco abbagliante del sale ora corriamo su un terreno piu' scuro dove azzardano alcuni ciuffi di erba gialla che ci fanno tenerezza se pensiamo all'ambiente ostile in cui vivono. Poi l'erba prende il sopravvento e ci circonda completamente... ...continua sul nostro Libro Botswana

Venerdi' 11 Agosto
Sveglia alle 6 e 30, colazione abbondante e poi si parte verso gli uffici del confine: qui ci rilasciano subito e del tutto gratuitamente il visto per uscire dal Botswana ed il foglio di via per l'automobile.
Ora siamo pronti per attraversare lo Zambesi, il confine naturale fra i due paesi quassu' al nord. Ci mettiamo diligentemente in coda per salire sul traghettino che fa la spola fra Botswana e Zambia, due paesi diversissimi abitati da gente, come avremo modo di imparare fra pochissimo, molto diversa. Per il momento siamo ignari di tutto e quando tre ragazzi si avvicinano sorridenti a noi e ci indicano dove andare con l'automobile, noi rispondiamo allegri, grati per la sollecitudine con cui lavorano gli addetti al traghettamento. Il traghetto arriva e dopo aver scaricato qualche camion ci fanno salire a bordo; i tre individui salgono con noi. Dopo pochi minuti siamo dall'altra parte e scendiamo in un mondo opposto a quello che abbiamo appena lasciato. Quello era tranquillo, pulito, ordinato e con poca gente; qui e' tutto sporco, c'e' un fermento pazzesco, non si capisce niente e noi restiamo per un attimo interdetti. Sappiamo che dobbiamo ottenere alcuni documento per poter circolare con l'auto sulle strade dello Zambia ma non sappiamo dove andare. Arrivano in nostro aiuto i tre individui: ci indicano dove posteggiare l'auto, dove andare per il primo documento e non ci lasciano neppure un secondo, non ci tolgono gli occhi di dosso. Noi entriamo nella penombra di un ufficio dove abbastanza velocemente ci rilasciano per 20 dollari americani la ricevuta del pagamento del traghetto. Quando usciamo i tre individui ci consegnano tre fogli che secondo loro sono i restanti documenti indispensabili. E qui scatta l'imbroglio: ci chiedono il rimborso per il lavoro che hanno cosi' volenterosamente svolto per noi (sui fogli c'e' il numero di targa del nostro Nissan, ovvero sono realmente stati fatti apposta per noi !) che ammonta ad un bel po' di quecia (la moneta locale). Ma noi non abbiamo che pula, euro e dollari americani con noi per cui, quando rendiamo partecipi di cio' gli individui, essi si illuminano tutti e ci fanno il calcolo del cambio: vogliono 90 dollari. Ormai consapevoli del pasticcio in cui ci siamo infilati con la nostra stessa leggerezza e con sempre piu' persone che ci fanno capennello intorno per vedere come andra' a finire la trattativa, iniziamo una disperata ritirata in un inglese un po' maccheronico che ci faccia uscire con ancora un po' di dignita' da questa assurda situazione. E' chiaro infatti che approfittano della nostra ignoranza circa il cambio attuale fra dollaro e quecia e che la cifra che chiedono e' abbondantemente superiore a quella che ci verrebbe richiesta in un ufficio di cambio serio. Cerchiamo di contrattare ma dato che di abbassare la somma non se ne parla allora tentiamo di giocare d'astuzia: controlliamo uno per uno i documenti che ci hanno consegnato e ne troviamo uno del quale la Lonely Planet non fa alcuna menzione: l'assicurazione dell'auto. Siamo certi che la Camping Car Hire ci copra i danni anche in Zambia e non vediamo perche' dovremmo essere costretti a pagare una seconda assicurazione qui: rifiutiamo dunque questo pezzo di carta e riusciamo a pagare 60 dollari. Sembrerebbe tutto a posto ed invece no ! Adesso cercano di venderci il "car levi" per cui sono necessari altri 60 dollari e non ci mollano, ci seguono come ombre e non ci fanno avvicinare all'auto. La situazione ha dell'incredibile, solo un'ora fa eravamo rilassati in un paese meraviglioso ed ora ci troviamo catapultati nella vera Africa, quella dove bisogna "lottare" sempre e comunque solo perche' tu sei quello ricco e loro quelli poveri che ti devono spremere per forza. Siamo stanchi ma non possiamo abbassare la guardia, gli individui ora si sono fatti minacciosi e se non fosse per quel meraviglioso sole africano delle 10 del mattino giuro che me la sarei fatta sotto dalla paura. Ci dirigiamo decisi verso l'ufficio di polizia davanti al quale ci ha portato nel frattempo il nostro tentativo di fuga ... e qui un omone serissimo ci consegna questo benedetto "car levi" per due dollari. Due dollari, capite ??? Due dollari ...... Usciamo con le labbra strette e le mani sui fianchi: sanno anche loro che li abbiamo smascherati ed allora cambiano tattica, cominciano a chiederci dei soldi non piu' a pretenderli ma secondo noi hanno avuto anche troppo e ora non ne possiamo davvero piu'. A larghe falcate guadagnamo finalmente il Nissan e ci chiudiamo dentro: ora possiamo partire da questo girone dantesco che e' il porto di confine con il Botswana !
Ecco la lista di cio' che effettivamente serve per entrare con la propria auto in Zambia... continua sul nostro Libro Botswana

Sabato 12 Agosto
Ci alziamo con comodo e dopo colazione ci facciamo chiamare un taxi dalla scorbutica ragazza alla reception. Arriva Ken, un ragazzone nero che non sembra invadente e che anzi quando stiamo attraversando un ponte si accosta per farci scendere: sotto di noi c'e' un ben nutrito gruppo di elefanti che fa il bagnetto ! Che visione sublime, che spettacolo poter osservare gli animali nel loro ambiente. Non ci stancheremo mai di scene come questa ! Di nuovo sul taxi chiediamo a Ken se e' vero che all'ingresso del parco delle cascate accettano solo dollari americani e lui risponde che non possono non accettare la moneta locale perche' sarebbe illegale un comportamento del genere. In mezz'ora arriviamo al parcheggio dove molti banchetti espongono splendidi campioni di artigianato zambese. Ci soffermeremo piu' tardi, ora la nostra attenzione e' rivolta tutta allo spettacolo naturale delle cascate Victoria ! In biglietteria entra prima Ken che esce soddisfatto: accetteranno moneta locale ! Paghiamo dunque 36000 quecia a testa ed entriamo, dopo esserci messi daccordo con Ken che tornera' a prenderci tra 2 ore e mezzo.
Le nostre gambe iniziano a muoversi su di un sentiero in mezzo agli alberi, fa fresco e anche se ci sono molte zanzare noi stiamo bene, finalmente in un ambiente che ci e' congeniale e che non sentiamo ostile. Il sentiero che seguiamo ora si mantiene alto e quasi subito ci propone la statua rossastra che raffigura proprio Livingstone, il primo europeo a capitare da queste parti molto tempo fa. Il fragore alle nostre spalle ci ricorda che non siamo qui per una statua e ci attira come una calamita. Proseguiamo dunque il sentiero e finalmente il bosco si apre su qualcosa di incredibile. Una larga spaccatura profonda 108 metri sconvolge il panorama piatto che da giorni ormai siamo abituati a conoscere; in essa si getta con incalcolabile potenza l'acqua del fiume Zambesi, giunta qui dopo aver percorso centinaia di chilometri e dopo essere nato in Zambia vicino a Mwinilunga. Il salto si trova sul preciso confine fra due stati, lo Zambia e lo Zimbabwe; sebbene molte persone preferiscano la vista frontale sulle cascate dallo Zimbabwe, noi abbiamo preferito godere di una vista laterale e piu' alta, qui dallo Zambia. Le cascate sono molto estese - 1,7 chilometri - e noi riusciamo a vederne solo la porzione orientale ma vi garantisco che lo spettacolo e' magistrale ! Inoltre, se sul versante dello Zimbabwe che stiamo osservando ora ci sono diverse costruzioni che stonano assai con lo spettacolo selvaggio della cascata, qui in Zambia siamo dentro ad un parco che dunque e' rimasto vergine e percorso solamente da sottili sentieri di terra o ciotoli. C'e' anche un piccolo ponte di ferro sul quale bisogna fare attenzione perche' la nebbia di goccioline che si alza dal fondo della spaccatura e che permane senza sosta sulle cascate ne rende scivolosa la superficie; bisogna anche proteggere il materiale fotografico in sacchetti impermeabili ! Il cammino ci porta verso una seconda spaccatura perpendicolare alla precedente e che rappresenta il vero confine fra i due stati; qui le acque turbinose del fiume si incanalano per poi allontanarsi dopo essersi vorticosamente rimescolate in un enorme calderone spumeggiante che si trova proprio sotto di noi e sul quale si gode un'impareggiabile veduta alla fine del sentiero.
Torniamo indietro fino all'incrocio con un secondo sentiero che ci conduce questa volta in basso fino al fiume che si forma raccogliendo le migliaia di litri d'acqua che sono appena giunti qui dopo l'incredibile salto: si procede fra l'alta vegetazione e qualche palma e dobbiamo fare molta attenzione verso la fine poiche' si cammina su pietre bagnate, scivolose e... ...continua sul nostro Libro Botswana

Domenica 13 Agosto
E' tempo di tornare in Botswana ! Ci mettiamo in moto prestino e percorriamo senza particolari problemi i 100 km che ci separano dal porto. Sostiamo brevemente a tre posti di blocco dove controllano ogni volta minuziosamente tutti i documenti che riempiono un'intera carpetta su cui campeggia in grande la scritta "Zambia"; ad uno di questi paghiamo il "car levi" per uscire dal paese evitando cosi' una seccatura in piu' nel girone dantesco. Che comunque ci attende sfregandosi le mani ! Ci timbrano i passaporti velocemente e varchiamo con il Nissan il cancello aperto che conduce all'imbarco. Ora dobbiamo pagare il biglietto del traghetto e qui ci attende un'altra lotta: accettano solo dollari, quecia o rand (moneta sudafricana) e la quota ammonta a 20 dollari. Ma noi abbiamo finito i dollari e possediamo solo pula ed euro ... a nulla vale la nostra spiegazione che l'euro e' meglio del dollaro in questo periodo, non vogliono sentir parlare di accettare queste banconote. Allora io provo con una tattica che mi viene del tutto spontanea: serro le labbra e punto fissi i miei occhi in quelli del tizio di cui vedo solo la testa dietro all'altissimo bancone, poi lentamente appoggio sul piano una banconota da 20 euro e ritiro la mano ma non distolgo lo sguardo finche' non lo distoglie lui, che a quel punto allunga la mano e fa sparire i soldi con un gesto furtivo. Che fatica ... ma per fortuna e' andata ! Un consiglio ? Portatevi sempre molti piu' dollari di quanti pensiate vi possano servire, in Africa non si puo' mai sapere !!
Sul piccolo traghetto un tizio ancora ci tedia cercando di venderci dei porta documenti plastificati e finalmente sbarchiamo. Avremmo voglia di scendere e baciare il terreno tanta e' la felicita' di essere tornati in Botswana ... e invece ci fanno pestare con le suole delle scarpe un orrendo tappetino puzzolente imbevuto di disinfettante al punto di controllo veterinario ! Poco importa, all'ufficio immigrazione ci timbrano di nuovo il passaporto e la grande scritta "Welcome to Botswana" non e' mai stata cosi' puntuale come in questa circostanza !
Ci rimettiamo subito in viaggio: meta di oggi il Chobe National Park. Situato all'estremo nord del paese, questo parco copre un'area di ben 10 mila km quadrati ed e' per estensione secondo solo alla Central Kalahari game reserve. L'ingresso si trova vicino alla fine della cittadina di Kasane ed al gate paghiamo 3 notti, una a Ilaha nel Chobe e due nel Savuti (che fa sempre parte del Chobe). Entriamo e percorriamo lentamente la pista sterrata che corre lungo il fiume che da' il nome al parco: c'e' molta acqua color blu intenso e la vita attorno ad essa ferve. Facoceri che brucano con le gambe anteriori ripiegate sotto al corpo, impala dai dolcissimi occhi, splendide femmine di kudu e poi giraffe che fanno capolino da dietro verdissimi cespugli, babbuini che giocano coi loro bellissimi scimmiotti e decine e decine di elefanti ! Ci fermiamo a contemplare gruppi inverosimili di pachidermi lungo la pista, lungo il fiume, dentro all'acqua, sulla riva di qua (Botswana) e sulla riva di la' (Namibia): alcuni gruppi si dirigono lentamente verso l'acqua ed altri gruppi si allontanano lentamente dall'acqua; quando si incrociano gli individui, del tutto indifferenti, si ignorano.

Mentre procediamo ci fermiamo spesso per fotografare o perche' ci troviamo davanti o di lato gruppetti di elefanti; gli adulti annusano l'aria con le loro lunghe proboscidi e se ritengono che si nasconda in noi qualcosa di minaccioso per l'incolumita' della famiglia, subito aprono gli enormi padiglioni auricolari, abbassono la pesante testa ed alzano una delle zampe anteriori come per caricare ... noi togliamo senz'altro il disturbo ! Vedere una cosi' numerosa fauna ci riscalda il cuore.
Giunge l'ora di raggiungere la postazione di questa notte, piazzola C14 ad Ilaha sulla riva del fiume ma quando arriviamo... ...continua sul nostro Libro Botswana

Lunedi' 14 Agosto
Questa notte abbiamo avuto un bel caldino: il grande gelo del sud e' acqua passata ! Dopo colazione ripartiamo seguendo il Chobe River in direzione sud-ovest, ovvero verso il Savuti. Seguiamo per un lungo tratto le varie anse del fiume poi ci addentriamo in una bella valle laterale dai colori tenui e rilassanti: incontriamo molte zebre e molte giraffe fra gli alberi. Tornati al fiume avvistiamo alcuni grossi rapaci che volteggiano disegnando spirali ascendenti.
Usciti dal Chobe incontriamo lungo l'asfalto un posto di blocco: controllano che non abbiamo carne con noi poi ci salutano e noi ripartiamo prendendo subito a sinistra una larga ghiaiata piuttosto frequentata. Incontriamo diversi villaggi con tanti bimbi che ci chiedono "sweet"; in uno di questi villaggi ci fermiamo a comprare acqua e caramelle per i bimbi ed in un secondo villaggio ci fermiamo per fotografare un albero incredibile, mai visto prima, i rami carichi di grossi fiori arancioni dai petali gonfi come palloncini.
Superato l'ultimo villaggio la ghiaiata si trasforma improvvisamente in una sottile pista di profonda e soffice sabbia rossa, spettacolare da vedere ma insidiosa per i mezzi senza le marce ridotte. Corre piuttosto dritta fra la vegetazione ed il nostro Nissan sobbalza e rimbalza ma procede senza problemi. Incrociamo quattro vetture, poi ne vediamo una ferma in mezzo alla pista. Parcheggiamo un po' di lato il pick-up e ci avviciniamo per vedere cosa e' successo: si tratta di un paffuto ragazzo nero che guida una delle vetture delle escursioni organizzate di un lodge. Stava portando dal meccanico la vettura che aveva gia' dimostrato cedimenti nei giorni precedenti, quando improvvisamente, lungo quella pista, si era rotto il meccanismo che aziona le quattro ruote motrici. Tutto era andato bene finche' non aveva dovuto rallentare fino quasi a fermarsi per una macchina che aveva davanti, con l'effetto che non era piu' riuscito a ripartire, insabbiandosi miseramente. L'autista della vettura davanti non si era accorto di nulla e se n'era andato tranquillamente, lasciandolo a scancherare li' da solo. Insieme proviamo a spingere, a mettere legni sotto la ruota piu' sprofondata affinche' faccia presa, ad alzare tutto il treno posteriore con un crick a mano ... ma senza successo. La situazione e' complicata e due ruote motrici non sono sufficienti. Mentre cerchiamo di escogitare nuove tattiche si avvicina una terza auto e siamo tutti felici perche' qualcuno in piu' serve sempre ... ma quando ci rendiamo conto che l'autista anziche' fermarsi cerca di passare oltre superando sulla destra la vettura insabbiata, quando vediamo che la sua auto si inclina pericolosamente verso quella ferma per effetto del bordo di sabbia rialzato di lato alla pista, quando capiamo che l'autista e' costretto a fermarsi per non vedere l'auto ribaltarsi sull'altra ... dentro di noi ridiamo di gusto ! Benone ! Ora ci troviamo con due vetture bloccate in mezzo alla pista. Esce uno stizzito francese che continua a bofonchiare "...merd ... merd ..." e prende a girare attorno all'auto con fare disperato. Escono anche tre distinte signore, con grandi cappelli calati su candide capigliature e che sembrano molto divertite da questa avventura: finalmente succede qualcosa di interessante, sembrano pensare e si scambiano occhiate cariche di gioia. Noi ci avviciniamo e spieghiamo la situazione al francese, che pero' non sembra abbia molta voglia di ascoltarci e si avvia ad aprire il baule della sua auto, estraendone poco dopo una specie di scivolo a snodo di plastica dura da utilizzare in casi di insabbiamento. Lo appoggia a terra davanti alle sue ruote posteriori e si mette alla guida. Noi da dietro spingiamo ma i primi tentativi non danno esito, ma a forza di dai e dai riesce a muoversi e supera la vettura ancora miseramente insabbiata del ragazzo. Le tre donne applaudono ed il francese ancora incavolato per la perdita di tempo scende senza spegnere il motore e viene a recuperare il suo scivolo. Quando chiude il baule io e Taddy ci scambiamo un'occhiata in seguito alla quale ci avviciniamo minacciosi al francese: questa volta gli parliamo con voce non troppo gentile "Adesso ci aiutera' a spostare l'auto di quel ragazzo, vero ? Non possiamo mica lasciarlo li' ...". Lui guarda perplesso verso il ragazzo, che nel frattempo e' sparito da qualche parte, e sembra accorgersi per la prima volta che li' c'e' una vettura insabbiata: risponde con un "Certainement !" e va a spegnere il motore. Tutti insieme, anche le tre signore dai fluenti cappelli, spingiamo la vettura ... che tutto a un tratto prende a muoversi dapprima con riluttanza, quindi con resistenza ma poi sempre piu' liberamente finche' non parte decisa e sicura e con una scodata si allontana di circa dieci metri ! Esterrefatti dalla sorpresa gridiamo come matti e mentre i francesi ripartono in tutta fretta, il ragazzo paffuto ci invita sorridente a guardare cosa ha fatto: e' riuscito, non capiamo bene come, a collegare una terza ruota alle due motrici, di modo che ora il fuoristrada ha tre ruote motrici fisse ! Tutto felice ci dice: "Sono un bravo meccanico, vero ?". Lo salutiamo con grandi pacche sulle spalle e vederlo allontanarsi ci mette una gran gioia !
E' ora di ripartire. Lungo la pista che si fa sempre piu' sabbiosa incontriamo un bivio: il gps ci indica... ...continua sul nostro Libro Botswana

Martedi' 15 Agosto
Taddy mette per primo il naso fuori dalla tende e le vede. Decide di non dirmi niente per non rovinarmi la sorpresa, scende ed accende il fuoco, mette l'acqua a scaldare per il caffe', lo sguardo rapito su qualcosa che gli fa correre un brivido lungo la schiena ma che e' anche bellissimo, dolce come il miele ed indimenticabile.
Finalmente anch'io metto la testa fuori dalla tenda e Taddy osserva sorridente la mia reazione. Sorpresa, incredulita' e subito dopo la voglia di andare a vedere da vicino. Scendo in fretta, faccio lentamente un giro attorno al pick-up e quando torno vicino a fuoco chiudo gli occhi per immaginare la scena.
Notte. Buio. Silenzio. In giro non c'e' anima viva, tutto il mondo dorme ... beh, non prorpio tutto il mondo: nel folto dalla vegetazione che circonda la piazzola brillano due occhi gialli. Il leone scivola fra i rami senza provocare neppure un fruscìo e si ritrova sotto le stelle: cosa sara' mai questo grosso animale che non odora ma che dorme ? Annusa l'aria col grande naso stringendo gli occhi: a dire il vero un odore c'e' ma e' di un qualche animale che non riconosce come sua preda. Senza togliere gli occhi dal grosso intruso gira attorno ad esso molto lentamente, guardingo e curioso. Poi si ferma un lungo attimo, scrolla la testa possente e si allontana di nuovo fra la vegetazione, di nuovo nel suo mondo, di nuovo fra gli odori appetitosi che conosce meglio e che gli mettono un certo appetito ...
Riapro gli occhi e mi siedo sulla sabbia accanto alle impronte fresche e nitide. Grazie leone per la tua visita: sei stato il benvenuto anche se non ci siamo accorti di te, silenzioso e curioso re della foresta !
Dopo colazione partiamo per visitare il parco e lasciamo quasi subito la pista principale per una appena accennata che scopriamo grazie al gps. Qui la savana e' bellissima, proprio quella dei documentari; il colore dominante e' ovviamente il giallo ma ogni tanto una verdissima chioma di acacia dona una macchia di colore nuovo. Ogni tanto scendiamo dall'auto e facciamo qualche passo scrutando il terreno: in questo modo scopriamo un microcosmo che altrimenti resterebbe del tutto invisibile; notiamo che una stessa piante puo' produrre minuscoli fiorellini rosa, bianchi e gialli e che le piantine che spargono nell'aria questo fantastico profumo di menta hanno bellissimi fiori sferici viola puntellati di bianco. Che regali ci fa la savana africana: avreste mai pensato di trovarvi il profumo della menta ?!
Alcuni tronchi di traverso sulla pista richiedono tutta la forza delle nostre braccia per essere spostati di lato.
La pista incrocia molto spesso singolari sentierini che zigzagando si perdono nella vegetazione rada: ad un esame piu' attento risultano pieni di impronte di elefanti e di loro grandi ricordini. Vorremmo scendere dal Nissan, percorrere a piedi questi sentieri, annusare l'aria e sentirci elefanti anche noi ... non so perche' ma ho sempre l'impressione che questi sentieri conducano in posti magici dove l'uomo non ha mai posato e mai posera' piede, una sorta di terra promessa verso cui ogni animale punta ! Non essendo pero' raccomandabile allontanarsi a piedi dal proprio mezzo - la zona pullula di leoni e leopardi - continuiamo a procedere guardandoci intorno con occhi sgranati. La savana e' diventata cosi' familiare che ci sembra di essere in questi posti ormai da mesi !
Sulla distesa assolutamente piatta che ci circonda si ergono alcune collinette sparse: molti anni fa erano molto piu' alte ma l'erosione le ha ridotte di dimensioni ed oggi raggiungono altezze modeste che comunque si distinguono bene anche da lontano. Sono le Gubaatsa Hills. Sotto ad una di queste, la Gobabis Hill, parcheggiamo il Nissan e scendiamo: la Lonely Planet consiglia infatti di salire a piedi lungo un sentierino per andare a scoprire alcune pitture rupestri lasciate dai san 4000 anni fa. Saliamo dunque fra rocce scure che nascono dal terreno come scaglie verticali ... ma non siamo tranquilli, infatti... ...continua sul nostro Libro Botswana

Mercoledi' 16 Agosto
Questa notte forti folate di vento hanno disturbato il nostro sonno e quando al mattino usciamo dalla tenda ci accorgiamo che l'aria e' molto frizzante. Facciamo colazione con una famigliola di impala che bruca alle nostra spalle. Prepariamo ogni cosa e partiamo che sono le 8 appena passate; imbocchiamo la pista che esce dal Savuti in direzione del prossimo parco, il Moremi ... quando ci accorgiamo che in prossimita' di una delle colline visitate ieri ci sono due auto ferme. Quando in posti come questi si vedono delle auo ferme, si puo' star certi che c'e' qualcosa di interessante da vedere e cosi' non perdiamo questa occasione e le raggiungiamo. Usciamo dunque dalla pista principale per imboccarne una minore e dopo una curva avvistiamo una grossa sagoma scura; ci avviciniamo un altro po' e capiamo che si tratta di un esemplare molto vecchio di elefante (lo si intuisce dal fatto che le zanne sono scure, molto consumate e rotonde sulle punte) riverso su un fianco e probabilmente morto di vecchiaia. Tutto intorno alla carcassa ci sono 7 leonesse e 5 cuccioli ... ragazzi, uno spettacolo fantastico ! Spegnamo il motore ed osserviamo la scena con i binocoli. Le leonesse sono sdraiate a terra, tranquille e sazie, due di loro stanno ancora banchettando ma a tratti si addormentano ed hanno il muso sporco di sangue. Due cuccioli si allontanano dalle femmine e si avvicinano pericolosamente alle nostra auto, che nel frattempo sono aumentate di numero ma che si tengono a distanza di sicurezza ed in rispettoso silenzio. Una delle leonesse controlla i cuccioli e quando secondo lei essi si sono avvicinati troppo a noi emette un ruggito sommesso che ci fa tremare. Osservandola col binocolo i suoi occhi fanno spavento anche se non hanno nulla di minaccioso: sono gli occhi di un potente predatore e vi garantisco che fanno un effetto incredibile ! Il cucciolo torna trotterellando vicino alla madre e dopo essersi strusciato ben bene sul suo muso, inizia a correre intorno all'elefante e con un saltone gli sale sulla groppa, subito seguito da un altro cucciolo. Restiamo ad osservare questa scena familiare per un'ora intera durante la quale arrivano dalla savana altre leonesse che si uniscono al banchetto. Capito l'irrequietezza di ieri pomeriggio ?

Decidiamo a malincuore di lasciare i leoni e ci rimettiamo in moto: ci attendono 47 km prima di uscire dal Savuti, 47 km lungo un'area che la guida definisce paludosa ma che di paludoso non ha proprio nulla. Quindi attraversiamo una distesa gialla con strani cespugli formatisi perche' erba secca proveniente da chissa' dove e' arrivata fin qui con il vento depositandosi su altri cespugli dando vita a nuovi cespugli dalla buffa forma di capanne. Moltissimi uccellini volano o sgambettano via all'ultimo secondo dalla pista davanti a noi. Poi viene il turno di un vero e proprio "bosco d'autunno" caratterizzato da alti alberi dalle foglie rosse, gialle e marron che ricordano tanto i nostri Appennini d'autunno. Superiamo il gate deserto e poco dopo ci fermiamo per un pranzetto veloce a base di tonno e fagiolini in scatola. Dopo aver raccolto qualche pezzo di legno (siamo fuori dal parco dunque si puo') ripartiamo.
La pista che si dirige ora verso il Moremi e' piena di buche e balliamo parecchio. Ad una pozza deserta decidiamo di scendere per vivere qualche istante da animali di savana anche noi: vicino all'acqua il fango scuro e' pieno di profondi buchi lasciati dalle zampe degi elefanti; sotto la superficie dell'acqua strani esseri neri e grossi quanto una falange nuotano a zig zag; le ondine che giungono a riva sono colorate di rosso. Quest'ultima osservazione ci ricorda che spesso in Africa pozze e fiumi accolgono altri temibili predatori, i coccodrilli, per cui giriamo in fretta sui tacchi e torniamo al Nissan di buona lena !
Poco dopo il panorama si apre su uno spettacolo mozzafiato, un quadretto che rimarra' per sempre impresso sulle nostre retine. Siamo sbucati sul fiume Khwai che scorre placido rispecchiando il blu del cielo fra erba verde, canne e rami spezzati; la' dove il fiume compie un'ansa sparendo alla nostra vista, in questo angolo di mondo pennellato di blu e di verdi sfumati, ci sono quattro elefanti enormi che bevono tranquilli, ogni tanto appoggiano la proboscide su una delle due candide zanne come se pesasse troppo e restano immobili per molto tempo, svolazzando solo le grandissime orecchie per scacciare gli insetti. Una scena preistorica ...
Ripartiamo: ormai l'ambiente si puo' definire "fluviale" e tutta la vita si concentra attorno al fiume che si snoda ora a destra ora a sinistra della nostra pista: siamo penetrati nelle propaggini orientali del delta dell'Okavango ! Immaginiamo che durante il periodo delle piogge la pista non esista piu', diventando letto dello stesso corso d'acqua.
Dopo un'altra curva c'e' un nuovo spettacolo che richiede una bella sosta: sulla sponda opposta del Kwai un'intera e numerosa famiglia di ippopotami riposa beata ! Ci sono adulti giganteschi ed alcuni ciccionissimi cuccioloni !! Con il binocolo entriamo un poco nella loro vita e ci accorgiamo che ci sono tre adulti in acqua, di cui vediamo solo gli occhi e la parte sommitale della testa con due piccolissime orecchie, ed una decina fra adulti e cuccioli sdraiati a terra ammassati gli uni sugli altri ed assolutamente immobili fatta eccezione per un orecchio ogni tanto. Ad un certo punto uno dei cuccioli si alza e visto di fronte sembra una sfera perfetta con due zampe grassocce sotto; si guarda intorno un po' intontito poi, forse annoiato da tanta immobilita', si dirige lentamente verso uno degli adulti dondolandosi a destra e a sinistra come un cartone animato. Giunto accanto all'adulto gli sfiora col muso paffuto il grosso sederone e questo, fastidiato, si sposta sull'altro fianco senza neppure tirarsi in piedi sulle zampe. Allora il cucciolo se ne va sempre dondolando da un altro adulto e gli sfiora il sederone: questo non fa proprio una piega ! Dopo un'altra occhiata intorno quindi, il cucciolo torna a sdraiarsi, facendosi largo a forza fra gli immensi corpaccioni con una spintarella di qua ed una di la' ... un vero spasso !
Lasciamo queste creature alle loro "attività" e proseguiamo la pista: ben presto un cartello ci informa che siamo sull'esatto confine fra Chobe e Moremi. Per entrare nel nuovo parco ci troviamo quasi in fila con numerose altre vetture, tutte rigorosamente fuoristrada; noi pero' ci fermiamo in un piccolo villaggio chiamato Khwai Village per fare un poco di spesa. Qui le case sono davvero insolite: i tetti sono di paglia - e fin qui tutto normale - ma le pareti sono costituite di fango impastato con ... lattine di birra ! "Papa' papa', quando potro' avere una casa tutta mia ?" "Quando avrai bevuto abbastanza birra, figlio mio !" ... che forza !!! In un piccolo negozietto che funziona anche da bar compriamo qualcosa da mangiare, birra e sidro sudafricano. Poi veniamo attirati da un banchetto dove sono esposti prodotto artigianali quali bellissime ciotole di legno decorate e collanine coloratissime. Dato che le ciotole sono piuttosto care (50 euro la piu' piccola) optiamo per due collanine fatte con piccoli frutti rossi e neri seccati al sole.
Al North Gate ci dicono che... ...continua sul nostro Libro Botswana

Giovedi' 17 Agosto
Fa freddo questa mattina e ci stringiamo intorno al fuoco per scaldarci. Facciamo ogni cosa con molta calma e siamo gli ultimi a partire dal campeggio.
La pista verso Xakanaxa e' piuttosto dissestata ed attraversa boschetti di acacie alte e basse: i raggi del sole ancora basso penetrano tra le fronde creando spettacolari giochi di luce ed ombre. Nessun animale e' in giro vicino alla pista, fatta eccezione per qualche biondo impala.
Incontriamo un guado su un grande lago dalle acque immobili e ci fermiamo a lungo ad osservare gli alberi dalle foglie colorate che si specchiano; ponderiamo anche se tentare o meno l'attraversata. Con l'ausilio di un bastone capiamo che oltre ad essere lungo e' anche piuttosto profondo e alla fine optiamo per tornare indietro un poco ed imboccare una pista secondaria che aggira sulla destra la vasta raccolta d'acqua.
Poco dopo incontriamo un secondo guado che attraversiamo tranquillamente essendo piu' corto e poco profondo.
Arriviamo al gate di Xakanaxa dove paghiamo la notte di ieri e quella di oggi, poi nel campeggio consumiamo un piatto di spaghetti e ci riposiamo un poco prima di tornare nel parco dove resteremo tutto il pomeriggio. Questo parco copre una superficie di quasi 5000 km quadrati, ovvero il 30 per cento di tutta l'area occupata dal delta dell'Okavango, e di quest'ultimo rappresenta l'unica parte dove la fauna e' protetta; e' caratterizzato da aree paludose e fiumi perenni ma anche da ampie aree desertiche. Noi decidiamo di visitare soprattutto le zone paludose che sono una novita' assoluta in questo viaggio ed e' cosi' che ci portiamo verso il Third Bridge, chiamato cosi' perche' e' il terzo ponte che si incontra nel parco dopo essere entrati da sud. Capiamo immediatamente che il Gps e' davvero indispensabile poiche' ci sono un'infinita' di piste piu' o meno con le stesse dimensioni che si incrociano fra loro e che si dirigono in tutte le direzioni: e' difficile capire dove si e' e soprattutto dove si sta andando con un Gps ... figuriamoci senza !
Prima del terzo ponte passiamo sopra al quarto ponte - proveniamo da nord - che versa in condizioni non migliori di quello del North Gate; oltre ad esso passiamo accanto a diverse pozze con alcuni ippopotami a mollo.
Quando arriviamo al Third Bridge la delusione ci coglie di sorpresa: e' distrutto, i legni sono sprofondati rendendo impensabile l'attraversata e la casetta di legno col cartello "Welcome to Third Bridge" abbandonata e solitaria in mezzo alle erbacce mette malinconia. Che peccato, era una delle zone piu' scenografiche del Moremi: chissa' se lo ripareranno ?
Facciamo dunque retromarcia e poco dopo incontriamo un elefante fermo a bere ad una pozza. Arriva una seconda jeep e questi, disturbato da troppe presenze estranee, lentamente si allontana dondolando gli immensi lombi. Solo che rimane assolutamente parallelo alla pista che dobbiamo seguire noi ed ha cosi' inizio una buffa processione: davanti sulla sinistra l'elefante grigio e dietro sulla destra le due auto bianche che, attente a non avvicinarsi mai troppo all'animale, ne rispettano l'andatura. Continuiamo cosi' per diversi minuti poi, attraversata una piccola pozza, l'elefante decide di allontanarsi definitivamente dalla pista e noi possiamo riprendere una velocita' un poco piu' sostenuta.

Transitiamo per la "valle degli alberi morti", una zona paludosa con molta acqua, dove incontriamo un piccolo coccodrillo che si allontana menando la coda, tante piccole scimmiette, molti uccelli acquatici. Facciamo infine ritorno al campeggio e cerchiamo di sistemarci il piu' lontano possibile dagli altri turisti: scegliamo una piazzola sul fiume che pero' non si vede perche' la riva e' interamente occupata da alti papiri. Apprendiamo dalla Lonely Planet che proprio qui, diversi anni fa, un turista americano mori' dopo essersi scioccamente allontanato dal campeggio durante la notte (forse aveva bevuto troppo ... fatto sta che fu accerchiato dalle iene e divorato .... macabro vero ?).
Durante la notte succede qualcosa di meraviglioso... ...continua sul nostro Libro Botswana

Venerdi' 18 Agosto
Il Moremi ci fa il suo ultimo regalo questa mattina presto: un leone maschio vicino alla pista ! Ha un muso gigantesco ed una bellissima criniera, e' seduto vicino ad una pozza dove ieri avevamo avvistato la carcassa di un animale. Si lascia guardare per bene, poi si sdraia completamente e l'erba alta lo nasconde quasi del tutto.
Oltre il gate proseguiamo sulla ghiaiata in direzione di Maun dove arriviamo verso mezzogiorno. Lunga circa una decina di km, questa cittadina si sviluppa intorno ad alcuni centri commerciali molto vivaci dove si puo' trovare quasi ogni cosa. Passiamo alla Travel Wild e finalmente diamo un volto a Ruth, la ragazza con cui abbiamo comunicato tramite internet e che ci ha prenotato gran parte dei campeggi in Botswana. Le portiamo, come promesso nella nostra ultima email, della birra fresca e lei apprezza molto il gesto !
Facciamo spesa in un grande supermercato, riempiamo di benzina i due serbatoi del Nissan e le taniche, mangiamo qualcosa, facciamo riparare una gomma che abbiamo forato qualche giorno fa (forse una spina di acacia) per soli 19 pula (3 euro) e scriviamo a casa in un internet caffe' .
Alle 18 cominciamo a cercare un alloggio per la notte e la scelta cade sul molto economico - con inganno - Okavango River Lodge, dove ci concediamo il lusso di una stanza con bagno. Siamo a Matlapaneng, 9 km a nord di Maun.
Ceniamo allo Sport Bar, un posto molto popolare da queste parti, con una pizza discreta, carne bianca speziata e dolci al cioccolato. Ad un tavolo vicino al nostro c'e Ruth con tre amiche, tutte allegramente ubriache da venerdi' sera !
Torniamo al nostro lodge ... dove scopriamo inorriditi l'inganno celato dietro all'economicita' delle stanze: musica ad un volume stratosferico con turisti ubriachi fradici che "strisciano" fra i tavolini del bar-discoteca ... Proviamo a dormire ma e' tutto inutile, anche i tappi sono insufficienti ! Ci giriamo e ci rigiriamo senza posa, finche' alle due non ne possiamo piu' e decidiamo di andarcene. La giovane padrona e' molto comprensibile e non vuole essere pagata per la notte che non abbiamo finito di trascorrere; e' anche sinceramente preoccupata per noi, dove andremo a quest'ora di notte ? Non c'e' piu' nulla di aperto, viaggiare col buio e' pericoloso ed il campeggio libero in citta' e' sconsigliato. Non sappiamo cosa faremo ma sappiamo per certo che vogliamo assolutamente allontanarci da questo posto il prima possibile !
Quando l'inferno della musica a tutto volume e' solo un brutto ricordo e noi siamo al buio su una strada buia nella notte buia non rischiarata neppure da un lampione, finalmente ci rilassiamo e ci piomba addosso un sonno micidiale. Sulla strada principale c'e' un campeggio che pero' ha i cancelli chiusi e nessun guardiano ci viene incontro. Allora proviamo all'Alfa Lodge, una specie di motel con stanzette pulite ed un bagno in comune: il cortiletto e' inaccessibile per via di un grande cancello chiuso, ma per fortuna arriva subito un guardiano che ci dice che non possono fare entrare nessuno a quest'ora. Quando pero' sente la nostra storia e vede i nostri volti da morti di sonno probabilmente pensa che ogni tanto nela vita si puo' anche fare un'eccezione e ci apre le porte per una notte finalmente silenziosa e ristoratrice !

Sabato 19 Agosto
Tre ore scarse di sonno e siamo di nuovo in piedi: sono solo le sette ma abbiamo un programma molto pieno per oggi e preferiamo partire presto. La nostra colazione e' gia' miracolosamente pronta in una stanza che fatichiamo non poco ad inquadrare come sala ristorante. Il motel e' ancora profondamente addormentato, nessuno in giro cui chiedere informazioni, tutte le luci sono ancora spente: tentiamo aprendo la prima porta che ci capita e siamo fortunati ! Su un tavolo ci sono due tazze ed un piattino coperto con pane e marmellata, mentre in un angolo c'e una di quelle macchinette che scaldano l'acqua e tutto il necessario per prepararsi un orribile ma caldo caffe' solubile !
Partiamo in direzione Tsao su una veloce strada asfaltata; il cielo e' nuvolo e fa un discreto fresco. Deviamo verso ovest sulla pista che conduce alle Aha Hills, sabbiosa ma tutto sommato piuttosto ben messa e procediamo ad una velocita' intorno ai 45 km orari. Breve sosta ad un piccolo villaggio dove scambiamo alcune chiacchiere, o meglio alcuni gesti, con due donne sorridenti e piene di vita: ridono come impazzite quando sentono la nostra pronuncia nel nominare Xai Xai. Nella lingua san, infatti, la "x" non si pronuncia "ics" bensi' con uno dei tre click di cui il loro idioma e' ricco, solo che per noi e' una cosa ardua far schioccare la lingua contro l'arcata dentale superiore e subito dopo attaccarci un "ao" e per ben due volte di seguito ... il risultato e' alle loro orecchie talmente divertente che non riescono a smettere di ridere e ci fanno ripetere questi suoni finche' i muscoli del collo ci fanno male ! Quando finalmente si calmano, si avvicina al nostro gruppo un bimbetto che, dall'alto dei suoi forse quattro anni, ci guarda tutto serio, allunga un braccino verso la pista davanti a noi con un ditino teso ad indicare la direzione e solennemente dice "STREIT !" ... e le due donne giu' di nuovo a ridere con le lacrime agli occhi ... Meravigliosa gente africana !
Di nuovo al volante, dopo un'oretta ci immettiamo su una larga ghiaiata che si interrompe improvvisamente qualche km dopo cedendo il posto ad una tratto di sabbia che percorriamo in dieci minuti. Al primo incrocio prendiamo la sinistra; se andassimo a destra arriveremmo piu' rapidamente a Xai Xai ma questa scelta non ci permetterebbe di vedere cio' che siamo invece intenzionati a visitare. La pista e' sottile e compie una sorta di gimcana fra belle acacie; altro bivio, a sinistra anche qui. Breve sosta per il pranzo senza uscire dalla pista assolutamente deserta: fa molto caldo e cerchiamo disperatamente l'ombra del Nissan. Sbirciamo curiosi la savana e se guardiamo verso nord-ovest intravediamo all'orizzonte delle piatte ombre scure che per il momento non raggiungono neppure la cima delle acacie: sono le Aha Hills.
Dopo aver superato un piccolo villaggio abbandonato, la pista si inerpica lentamente su chiare formazioni di dolomia ricoperte di rada vegetazione; il panorama e' splendido e selvaggio. E' proprio all'interno della dolomia che si cela qualcosa di unico qui in Botswana, qualcosa di cui gli abitanti della zona vanno assolutamente fieri: una grotta ! Si chiama Drotsky Cave (o anche Gcwihaba), e' lunga circa un km ed ha ingresso ed uscita a breve distanza fra loro sulla superficie terrestre. Ad indicarne il punto esatto troviamo una grande lastra di pietra scura levigata su cui apprendiamo che la grotta e' stata dichiarata Monumento Nazionale. L'ingresso si trova a qualche decina di metri davanti a noi ma il sentiero e' piuttosto chiuso dall'erba alta ed abbiamo paura di avventurarci: strani fruscii e rumori di sassi che rotolano ci incollano alla lastra. Dopo pochissimo tempo che siamo qui sentiamo il rumore di un'auto che ci sembra dapprima un'allucinazione, ma che poi si rivela effettivamente reale ! Un pick-up bianco come il nostro si parcheggia vicino a noi e ne scendono tre persone: sono due ragazzi di un villaggio vicino ed un ricercatore del museo di Gaborone loro ospite in questi giorni. Ci hanno sentito arrivare e sono subito corsi qui con l'intenzione di farci conoscere la "loro" grotta ! Ci allungano due caschetti, una torcia ed un registro su cui lasciare la data ed il nostro nome. Ci invitano anche a leggere una circolare ... sulla quale impariamo che ci apprestiamo a compiere la visita alla grotta a nostro rischio e pericolo e che le guide declinano ogni tipo di responsabilita'. Chiediamo allora se e' facile incontrare animali selvatici pericolosi in questa zona ... e loro ci rispondono candidamente di si' e che proprio sull'ingresso della grotta c'e la tana di una coppia di leopardi !!! "Ma ... si va lo stesso ?" domandiamo noi increduli. "Certo" rispondono loro con un'espressione sbalordita dipinta sui volti nerissimi. Improvvisamente ci rendiamo conto di quanto... ...continua sul nostro Libro Botswana

Domenica 20 Agosto
Dormiamo piu' del solito, avevamo bisogno di recuperare certe ore di sonno perdute ! Partiamo che sono gia' le 8 e 30 e ben presto riguadagnamo la larga e comoda pista abbandonata ieri sera per salire al campeggio; direzione: Gumare.
Vicino al confine con la Namibia, verso cui si dirige la pista che ora ci troviamo di fronte, la pista diventa di nuovo sabbiosa e si riduce notevolmente la nostra velocita'. Per il momento restiamo in Botswana ed all'incrocio prendiamo dunque la destra; d'altra parte la strada di sinistra puo' essere seguita per sconfinare in Namibia soltanto dagli indigeni che si spostano per motivi di lavoro o di famiglia e non dai turisti come noi !
Poco dopo, all'ombra di un grande albero, una visione meravigliosa ci fa rallentare fino a fermarci: una splendida donna vestita in perfetto stile vittoriano, con un ampio vestito color viola e bianco, un grande fazzoletto porpora legato morbidamente al collo ed un copricapo a due punte sempre sul viola a completare il quadro, se ne sta seduta in attesa. Ha un bel viso pieno ed anche il fisico e' corpulento, un bel sorriso le addolcisce i tratti quando le chiediamo se vuole un passaggio. Assieme a lei ci sono due bimbetti nudi, fatta eccezione per un gonnellino appena accennato di pelle in vita ed un collare che abbiamo gia' visto in Namibia ... addosso agli Himba ! Le ricaviamo un angusto spazio sul sedile posteriore e, mentre i bimbi le passano due contenitori pieni di un liquido torbido e biancastro (che poi scopriamo essere latte), la donna sorride e sistema le grosse membra fra zaini, borsoni e scatoloni. In breve siamo pronti a ripartire e ridiamo tutti di gusto quando il Nissan prende quasi subito a rimbalzare come una palla impazzita sulle cunette dure di sabbia che costituiscono la pista ! L'odore che emana questa donna ci giunge nuovo ma lo sentiremo varie volte ancora durante le prossime ore: non capiamo se e' la sua pelle oppure qualche pianta che si trova solo qui, sta di fatto che non e' propriamente un odore piacevole, difficile da descrivere ma che assomiglia vagamente all'odore di qualcosa che inizia a marcire, dolciastro e pungente. Non ci consola certo pensare che forse e' lo stesso odore che avverte lei ora annusando noi ... Parla inglese, si chiama Kape ed appartiene all'etnia degli Herero. Ecco spiegata la somiglianza con gli Himba: un tempo i due gruppi etnici erano la stessa cosa, poi i Nada ne costrinsero alcune famiglie ad allontanarsi verso ovest ed esse si stabilirono in Namibia nella regione oggi chiamata Kaokovelt e presero il nome di Himba. Domandiamo a Kape se conosce gli Himba e lei ci risponde: "Si', parliamo la stessa lingua".
Dopo vari balzi e scossoni giungiamo ad un villaggio e Kape ci fa capire che deve scendere qui: subito arrivano verso di noi una bimba bellissima ed una ragazza altrettanto bella, dal viso serio, i capelli corti ed una collanina d'oro al collo ! E' la sorella di Kape, sposata al capo di questo villaggio. Fotografiamo le tre donne e promettiamo anche a loro di spedire le foto (promessa mantenuta; Kape ci rispondera' quasi un anno dopo mandandoci gli auguri di buona Pasqua ed una sua piccola foto formato tessera, non vi racconto l'emozione aprendo la busta ...). Riflettendo sulla collanina al collo della sorella di Kape - cercando di immaginare il viaggio del marito per andare a comprarla, senza automobile e col solo ausilio dell'autostop fatto alle rare auto di passaggio per queste zone remote, forse un mese di tempo in viaggio - riprendiamo la nostra pista per fermarci ancora dopo pochi chilometri. Altro villaggio, altra umanita' vivace e loquace, altre fotografie.
Ancora in pista: incontriamo un piccolo varano che ci attraversa indolente la strada e si nasconde soffiando fra i cespugli.
Infine ecco l'asfalto che ci conduce speditamente a Gumare; qui pranziamo con del pollo scaldato al microonde al negozietto della stazione di servizio e ci rimettiamo in strada dopo un breve riposo.
Nel pomeriggio penetriamo nel territorio degli Etsha. Verso la fine degli anni '60 scoppio' in Angola una guerra civile violentissima e molti civili scapparono verso sud divenendo profughi in Botswana; le autorita' di questo paese allestirono un nuovo insediamento dove i profughi si sistemarono alla maniera angolana, ovvero in diversi villaggi distanziati fra loro di circa un chilometro. I villaggi si chiamarono Etsha ed a ciascuno fu dato un numero progressivo per cui nacquero Etsha 1, Etsha 2 e cosi' via fino ad Etsh 13. Occupano un territorio semi-paludoso ricco d'acqua anche nel periodo piu' secco dell'anno, ovvero il mese di agosto.
Siamo sulla pista per Etsha 6, il villaggio piu' grande che ha anche una pompa di benzina; quando arriviamo ci sembra di essere stati catapultati in sud America ! Palme alte e vie sabbiose, ragazzi molto svegli e vestiti da "rappers": si intuisce che non sono africani originari di queste parti, troppo diversi da quelli che siamo abituati ad incontrare !
Ci immettiamo ora sulla pista per Etsha 13 e l'uso del Gps si fa subito indispensabile: nessuna indicazione infatti ci rassicura sulla direzione presa e spesso ci pare di essere sulla pista che conduce al campo di qualche contadino ! Il fondo e' sabbioso e profondo ed... ...continua sul nostro Libro Botswana

Lunedi' 21 Agosto
Facciamo colazione con pane ben tostato, burro e marmellata, yogurt. Paghiamo in pula il corrispettivo di 48 euro per la notte, la cena e la colazione quindi ci mettiamo in marcia. Meta di oggi: le Tsodilo Hills.
Sebbene esista una pista 2x4 che partendo dal villaggio di Nxamasere raggiunge questo luogo singolarissimo in modo semplice e veloce, noi preferiamo prendere una piccola pista 4x4 assai meno frequentata e che attraversa un panorama senz'altro piu' remoto e selvaggio. E' cosi' che, dopo appena un chilometro dal campeggio, deviamo a destra su una pista che si presenta abbastanza semplice nel tratto iniziale. Ci rilassiamo al punto che, ci rendiamo conto, ci succede una cosa stranissima: entrambi non riusciamo a concludere un solo ragionamento, ne' verbale ne' mentale ! Iniziamo a parlare ... poi la mente vola via, leggera leggera, lo sguardo perso sul panorama che ci circonda ... e addio frase ! Iniziamo un pensiero ... poi la nostra mente, normalmente pronta a ragionamenti precisi e razionali, si assenta, vaga chissa' dove, galleggia senza peso, una suggestione di tempo sospeso su uno spazio che si allunga all'infinito ... fantastico ! E' come aver chiuso i cervelli in un cassetto !
Ben presto, comunque, il cassetto viene riaperto ed i cervelli tornano al loro posto, scariche elettriche tornano ad attivare le nostre sinapsi neurali e la voce torna a farsi sentire: superato un piccolo recinto di legno che racchiude una vecchia pompa a cinghia di fabbricazione indiana, la pista in diversi punti sembra infatti perdersi nel nulla ed e' solo grazie alla consultazione attenta del Gps che riusciamo a trovare nuovamente le tracce. Le gomme sprofondano nella sabbia e l'erba alta al centro della pista sfrega contro la marmitta e le altre parti bollenti del motore, con il risultato che attorno a noi si sprigiona un forte ed acre odore di bruciato !
Ad un certo punto, davanti a noi si staglia la sagoma scura di un'altura in lontananza: ancora pochi chilometri e saremo arrivati ! In tutto avremo impiegato quasi tre ore e mezzo per arrivare al gate di "Tsodilo, la montagna degli dei" come cita la scritta che campeggia al centro visitatori. Si tratta di un luogo che emana sacralita' ed un tocco di mistero e restiamo in silenzio mentre la pista si allunga verso l'altura che nasce magicamente sulla piatta pianura circostante. Ci dirigiamo lentamente verso il cancello che da' sul piccolo parco nato intorno alla montagna, salutando molte persone a piedi, sorridenti e assolutamente non invadenti. Sedute vicino al cancello stanno alcune donne e bimbe che vendono bellissimi cestini e collane colorate di semi grandi e piccoli: ci fermiamo a lungo, acquistiamo felici questi oggetti davvero originali e scattiamo molte foto, promettendo di spedirle una volta a casa (promessa mantenuta !).

Entriamo nel parco e ci dirigiamo verso il centro visitatori seguendo una pista comoda. Sfiliamo sotto le pareti a picco e siamo abbagliati dalla bellezza della roccia ! Con i suoi 1395 metri, Tsodilo rappresenta il picco piu' alto del Botswana e, pur elevandosi sul bush circostante di appena 400 metri, appare ai viaggiatori come una piccola Uluru africana; osservando la montagna da diverse angolazioni si scopre che in realta' e' formata da diverse colline rocciose che, secondo un'antica leggenda locale, erano una volta una famiglia ed ecco perche' si chiamano "Male Hill", "Female Hill" e "Child Hill"; sono costituite di quarzite e presentano splendide striature rosse, arancio, viola, azzurre e gialle. Accolgono qualcosa come 4 mila spettacolari petroglifi che hanno reso famosa la zona agli studiosi; sono stati rinvenuti anche molti utensili ed i resti di due villaggi risalenti al 500 DC. Ci sono diverse possibilita' di escursioni, ovviamente a piedi, lungo i pendii erti e scivolosi delle colline, ma quasi tutte richiedono la presenza di una guida. Solo un percorso, chiamato Rhino Trail, e' percorribile in solitudine e gratuitamente, cosi' decidiamo di seguirlo nel pomeriggio. Nel frattempo ci e' venuta una gran fame e pranziamo con piadina, salsiccia e verdure in scatola. Si avvicina un povero cagnolino, tanto magro che gli si contano le ossa e molto debilitato: non riuscendo a reggersi in piedi si lascia andare a terra e da li' ci guarda con occhioni pietosi. Ovunque ci sono cartelli che citano "Non date da mangiare ai cani per favore" e "I cani disturbano gli animali selvatici", ma osservando questa povera creatura indebolita ci ritroviamo a riflettere piu' o meno in questi termini: chi e con quale criterio si arroga il diritto di stabilire che sono piu' importanti gli animali selvatici degli animali domestici ? Sempre animali sono ... e dalla via che sono nati, perche' lasciare morire questi cani ? Perduto ogni istinto alla caccia, questi non sono piu' in grado di vivere nella natura come i loro parenti selvatici e morirebbero certamente se nessuno desse loro qualcosa per sopravvivere. Secondo noi non sono in alcun modo concorrenti degli animali selvatici, semplicemente possono allontanarli da questa zona ... e' forse questo il problema ? Se i turisti si lamentano perche' non vedono animali selvatici si preferisce lasciare morire dei cani ? Una salsiccia scivola giu' per la gola del nostro nuovo amico che sembra fare le fusa dalla felicita' ...
Dopo un breve riposino indossiamo pantaloni lunghi, calziamo gli scarponcini e ci avviamo lungo la pista che corre alla base della porzione piu' occidentale della Male Hill. Presso il centro visitatori abbiamo chiesto informazioni circa la vita selvatica sulla montagna e ci e' stato risposto che in questa stagione non ci sono animali perche' fa troppo caldo e non c'e' acqua a sufficienza: normalmente ci sarebbero scimmie, leoni, leopardi, elefanti, iene, kudu ed un geco endemico. Potremmo invece incontrare qualche serpente per cui cerchiamo di provocare un po' di rumore con dei bastoncini per avvertire i rettili che ci stiamo avvicinando e che sarebbe cosa gradita se si allontanassero prima di farsi calpestare !
Il Rhino Trail abbandona la pista e si inerpica fra l'alta vegetazione che ci protegge dai raggi del sole. Mentre camminiamo ci capita un fenomeno davvero singolare che merita di essere raccontato. Dal momento che, a dispetto di quanto ci ha detto il ragazzo al centro visitatori, gli alberi sopra di noi pullulano di scimmie, razionalmente ci aspettiamo che ci siano anche altri animali e la nostra iniziale serenita' lascia ben presto il posto ad uno stato di angoscia sempre piu' profonda mano a mano che ci allontaniamo dal Nissan. Eppure non riusciamo a deciderci di tornare indietro perche' vogliamo assolutamente raggiungere la sommita' di questa montagna, dove sappiamo celarsi una valle "strana", un posto unico dove pare di essere su un altro pianeta ... e cosi' continuiamo a camminare muovendo i nostri bastoncini e cercando di non girarci ogni due passi come il nostro istinto ci detterebbe. In cima alla ripida salita raggiungiamo un passo e, superato un corridoio naturale fra rocce levigate, ci troviamo all'improvviso davanti ad uno spettacolo meraviglioso: ecco la valle magica ! Un sentiero ben marcato dal morbido fondo di sabbia chiara serpeggia in pianura fra alberelli dalle foglie di un tenero verde ed alta erba giallissima, qualche albero privo completamente del fogliame ma col tronco arancione dona un tocco di caldo mistero, sopra di noi il cielo azzurro con qualche pittoresca nuvola bianca e le vette di grigia roccia nuda delle colline vicine che svettano dalla vegetazione: un quadro stupendo che ci incanta ! L'ora tarda dona un colorito rosato prima e decisamente rosso poi a tutto cio' che ci circonda, regalandoci sul serio l'impressione di essere appena atterrati su un pianeta inesplorato che per la prima volta conosce piede umano !
Ed e' proprio camminando qui, su questo piccolo altopiano segreto chiuso fra le rocce di Tsodilo, che la paura all'improvviso ci abbandona completamente per effetto di un preciso processo mentale cosi' riassumibile: finche' sapevamo di essere relativamente vicini all'automobile, ovvero alla salvezza, il timore per cio' che ci poteva succedere teneva i nostri nervi tesi come corde di violino, tutti i sensi all'erta ed i muscoli pronti allo scatto nel tentativo di salvare la pelle ... ma una volta quassu', assolutamente lontani ormai dall'auto, i nostri nervi si rilassano, i sensi tornano a fare ciascuno il proprio lavoro con calma, i muscoli lavorano tranquilli. Non ci sarebbe niente da fare se una belva ci raggiungesse qui ... tanto vale godersi lo spettacolo di questo posto !
Sereni anche quando fra l'erba alla nostra sinistra un forte fruscio ci risveglia... ...continua sul nostro Libro Botswana

Martedi' 22 Agosto
Salutiamo il cagnolino che e' rimasto vicino alla nostra auto tutta la notte e gli regaliamo un'ultima piadina prima del commiato: speriamo che qualche altro turista impietosito decida di dare come noi retta al cuore piuttosto che alle regole degli umani e che ti allunghi qualcosa da mettere nello stomaco.
Usciamo dal parco e salutiamo anche le bimbe delle collanine; imbocchiamo oggi la pista piu' comoda, 2x4, che si dirige verso l'asfalto a nord-est; una volta sulla statale pieghiamo verso nord-ovest e verso il confine con la Namibia, a Botman.
Lungo il noioso asfalto incontriamo un ragazzo che lavora in modo superlativo un legno chiaro e ci fermiamo ad osservarlo. Ha una strana deformita' sul viso ma la sua bocca sorride sempre e le sue mani sono mani d'oro; priva della corteccia grossi tronchi di legno, li incide e dona loro forme d'animali, poi passa un ferro sulla brace di un fuoco sempre alimentato. Quando questo diventa incandescnte lo prende ad un'estremita' con uno straccio e sbruciacchia gli animali appena scolpiti, creando le famose macchie delle giraffe, le squame di un coccodrillo, le righe di una zebra. Espone le sue creazioni su di un rudimentale banchetto e si siede a terra aspettando improbabili clienti (sulla strada non c'e' nessuno a parte noi). Avendo dei pula da finire, decidiamo di comprargli quasi tutto quello che espone, lasciandogli il coccodrillo perche' e' gigantesco e perche' non e' ancora finito !
Mentre rimontiamo in macchina lui picchia le mani una contro l'altra in un applauso pacato rivolto a noi e continua a sorridere finche' non lo vediamo piu'. Nell'abitacolo si sprigiona ben presto un gradevole odore di legna bruciata e ci sembra un ottimo modo per salutare questo paese fantastico. Addio Botswana, addio sul serio questa volta; belle e timide persone aperte al sorriso ed agli incontri; splendidi animali impegnati a vivere in modo naturale la loro esistenza; terre sconfinate di savana gialla; alture magiche con millenni di storia cuciti addosso; piste selvagge percorrendo le quali l'uomo si puo' finalmente sentire cio' che in realta' e' ma che sembra troppo spesso dimenticare: un animale in viaggio.
Superato il confine senza problemi, entriamo in Namibia ed all'improvviso comprendiamo che in Africa i confini vogliono davvero dire molto. La natura e' sempre la stessa, ma e' diverso l'uomo che ovviamente cambia la natura per adattarla ai propri bisogni ed e' cosi' che non incontreremo in Namibia piste sottili ed appena accennate (segnalate sulle cartografie ufficiali perche' le sole esistenti) come in Botswana bensi' correremo su... ...continua sul nostro Libro Botswana

Mercoledi' 23 Agosto
Dopo colazione paghiamo a Mr. Hornst il corrispettivo di 78 euro per la notte, i pasti ed il giro in barca e lasciamo qualche frase sul guest book del lodge, cosa cui Mr. Hornst sembra tenere in modo particolare. Salutiamo anche i ragazzi italiani e ci mettiamo in marcia: larga ghiaiata fino all'asfalto e poi in direzione di Rundu su quest'ultimo. Villaggi di capanne, molta gente che cammina, tante scuole, banchetti di maschere, animali di legno, bellissimi aeroplanini variopinti.
Deviamo su una sterrata comoda e larga che attraversa un territorio molto vasto occupato interamente da enormi recinti di allevatori di bestiame. Le reti ci terranno compagnia a lungo nel nostro continuo procedere verso ovest, fino a che sbuchiamo sull'asfalto che ci conduce in una trentina di chilometri al gate del parco piu' famoso e frequentato della Namibia, l'Etosha. Eravamo gia' stati qui nel dicembre del 2003 e per fortuna notiamo che nulla sembra cambiato ... ma venire qui dopo aver scorazzato per le terre selvagge del Botswana e' abbastanza deludente. Se la prima volta non avevamo avuto la sensazione di trovarci dentro una sorta di giardino zoologico, oggi questo e' un sentimento reale: ne prendiamo atto e cerchiamo di non fare confronti con il viaggio appena concluso. Giorgio Bettinelli, nel suo bellissimo libro "Brum Brum 254000 chilometri in vespa", sostiene che "i ricordi non devono mai essere confrontati, solo custoditi e messi via senza lasciare che interferiscano nel delicatissimo meccanismo dello stupirsi" e questo cerchiamo di fare ora, vivere l'Etosha senza confrontarlo ai ricordi degli altri parchi visitati, per riuscire a stupirci positivamente anche oggi delle immagini che questa natura offre e che i suoi animali inconsapevolmente ci regalano.
Non abbiamo prenotato e purtroppo... ...continua sul nostro Libro Botswana

Giovedi' 24 Agosto
Proseguiamo la visita del parco e vediamo moltissimi animali alle pozze. Tutto sommato non e' poi cosi' negativo il fatto che l'uomo abbia creato un'area protetta come questa, qui gli animali sono senz'altro al sicuro dai bracconieri e possono condurre una vita assolutamente naturale senza correre il pericolo di incappare in umani che di naturale hanno ben poco. Certo questo comporta anche la presenza di molte auto cariche di esseri umani che cercano ed osservano gli animali, ma tutto sommato si tratta di un male da poco: gli animali si sono gia' abituati alla loro presenza e si lasciano anche avvicinare senza provare timore. Inoltre, le pozze sono in gran parte riempite artificialmente durante la stagione secca e gli animali non corrono pericolo di vita per assenza di acqua. Insomma, cominciamo ad avere una visione pu' positiva rispetto all'inizio di questo posto e ci godiamo ogni singolo momento nel parco.
Branchi numerosissimi di splendide zebre con tanti cuccioli ci attraversano la pista; giraffe corrono come al rallentatore sulle loro lunghe gambe sottili; tre giovani leoni maschi se ne stanno sdraiati uno sull'altro vicino ad una pozza, sbadigliando e litigando per gioco; poco distante una splendida coppia di leoni si abbandona ad uno spudorato accoppiamento sotto gli occhi affascinati di almeno una ventina di esseri umani ... e sotto lo sguardo attento di molti piccoli springbok che vorrebbero tanto avvicinarsi alla pozza per bere senza pero' trovarne il coraggio ...
Ad Okaukuejo ci sistemiamo per la notte.

Venerdi' 25 Agosto
Oggi iniziamo il lento avvicinamento a Windoeck; usciti dall'Etosha imbocchiamo l'asfaltata C38 verso sud. Poco dopo aver superato la pulita ed ordinata cittadina di Outjo pieghiamo verso ovest sulla ancora asfaltata C39 e poi nuovamente verso sud sulla sterrata D2743. Una serie infinita di dossi e cunette - che nella stagione umida si trasformano in tantissimi guadi - ci conduce attraverso una valle splendida che ricorda molto i paesaggi western dell'Arizona, con piatte formazioni rocciose che si elevano a destra e a sinistra dalla circostante savana chiara punteggiata di acacie verdi. Ventun chilometri dopo giungiamo ai piedi di uno spettacolo meraviglioso che ci fa tornare con la mente ad un giorno di due anni fa, quando scoprivamo in Australia il Chambers Pillar: un incredibile dito di roccia che si erge fiero ad indicare il cielo e che ci ha condotto qui come fosse un faro ! Reminescenza di un antichissimo altopiano di calcare formatosi 15 milioni di anni fa, il Vingerklip e' rimasto fino ai nostri giorni per narrarci un po' di storia geologica del pianeta e si eleva per 35 metri su di una collinetta cosparsa di massi probabilmente crollati dalle sue ripidissime pareti. Parcheggiata l'auto seguiamo un sentiero che ci conduce fino alla base vagamente rettangolare del dito e poi ne seguiamo tutto il periplo, fermandoci spesso per ammirare la bellissima valle che si stende ai nostri piedi o per adorare dal basso verso l'alto questo rosso monolito arrivato dal passato senza soluzione di continuita'.
Ancora verso sud attraverso le distese del Damaraland, su piste che ci portano in alto su colline piene di splendidi Ghost trees - gli stessi incontrati nel Kalahari - ed in basso su letti di fiumi in secca dall'incredibile sabbia color rosa, fra villaggi recintati di casette in cemento molto distanti fra loro, sotto boschetti fitti e riposanti.
Lentamente davanti a noi si alzano appuntite montagnole dai colori bruciati e sfilandoci sotto ci dirigiamo decisi... ....continua sul nostro Libro Botswana

Gestito dalla comunita' locale e molto economico, ha piazzole in posti davvero spettacolari alla base della montagna: dopo aver pagato ci dirigiamo proprio a scoprire le forme mammellonate della montagna seguendo le sottili piste sabbiose aperte al pubblico - ce ne sono infatti di interdette al di la' di una rete che circonda una vasta area intorno alla formazione rocciosa -. Per la notte optiamo per la piazzola numero 20 situata alla base delle pendici occidentali di Spitzkoppe. Verso ovest si stende all'infinito la piatta savana gialla mentre verso est contro il cielo privo di nubi si stagliano le forma morbide della montagna. Ne scaliamo le pareti di roccia ed aspettiamo l'ora del tramonto osservando i microcosmi nascosti su queste rocce e la savana che si stende sotto di noi; la stessa roccia si presenta ai nostri occhi incredibilmente simile a quella che forma Uluru e Kata Tyuta in Australia, con lo stesso colore arancio rossastro e le stessa ruvidezza che permette una facile arrampicata. In Australia ci siamo astenuti volentieri dal risalire le montagne sacre al popolo aborigeno ma qui, non avendo letto nulla circa la sacralita' del luogo, non resistiamo e ci lasciamo tentare da questa esperienza unica nel suo genere: camminare su rocce nude color rosso fuoco al sole morente da' un senso di liberta' assoluta e di primitivo piacere regalando alle nostre anime ricordi di nostalgica dolcezza. Le nostre ombre si allungano velocemente sulle ripide pareti che sovrastano la piazzola numero 20 e la piccola Nissan bianca che ci aspetta silente per l'ultima volta, per l'ultima notte.
Scendiamo e ci incamminiamo nella savana verso ovest. Quando ci giriamo le rocce del "Cervino" sono cosi' rosse che sembrano finte, il tramonto che segue sara' indimenticabile !

Sabato 26 Agosto
Partiamo molto presto questa mattina: nel pomeriggio ci aspetta il volo per l'Italia.
Lungo una delle ultime piste diveniamo spettatori di una scena eccezionale nella sua semplicita': un attimo dopo chiudiamo gli occhi e decidiamo che questa e' l'ultima immagine che vogliamo portare a casa di questo viaggio, di questo popolo, di questa gente.
La pista polverosa. L'erba gialla che si perde all'infinito. Un gruppetto di acacie spinose. Un ragazzo dalla pelle nerissima che cammina verso la pista, che ci sorride, che solleva alta la mano per salutarci.
Due lacrime ci inumidiscono gli occhi. Una e' di nostalgia per cio' che stiamo lasciando. L'altra e' di felicita' per tutti i nuovi meravigliosi ricordi che abbiamo dentro e che l'Afriva ancora una volta ci ha saputo regalare ....

   
Segnala il racconto
ad un amico
 
Versione stampabile
Shopping online Botswana
Botswana nel nostro sito
Link Utili Botswana
Camping Car Hire e' un'agenzia di noleggio auto di Windock, in Namibia, specializzata in fuoristrada equipaggiati con attrezzatura da campeggio. Sono competenti e molto affidabili, vi potranno inoltre aiutare nell' organizzazione del vostro viaggio anche nei minimi dettagli. Noi abbiamo noleggiato e organizzato due viaggi appoggiandoci a loro e non abbiamo mai avuti problemi di nessun tipo.
Camping Car Hire is a hire's agency in Windhock, Namibia, specialized in Fully Equipped 4x4 Vehicles. They are very expert and reliable; they will help you for the organization of your trip, in minim details. We've hired twice a car from them and we've organized our two beautiful trips with their support and we've never had problems !
Bwana Tucke-Tucke
Prenotazione Campeggi, Parchi, Alloggi e altro in Namibia.
Ute Ernst
Noleggio telefoni satellitari a Windock, in Namibia.
Travelwild
Agenzia di Maun, in Botswana, molto utile per prenotazione campeggi nei Parchi nazionali in Botswana, prenotazione Lodge e altri servizi turistici.

Consigli e Regole per un Campeggio libero ecologico e responsabile. In questa sezione del sito mettiamo a vostra disposizione la nostra esperienza di anni e anni di campeggio libero per consigliare ai neofiti o poco esperti alcune regole morali, civili ed ecologiche. Possono sembrare regole banali, ma molte persone ancora non le rispettano e spesso sono proprio quelle che poi si lamentano quando viene vietato. Vi preghiamo di non imitarle.........

   
Copyright © 2003 | I viaggi di Taddy e Gloria | Project by Taddyweb
Indietro Indietro
I viaggi di Taddy e Gloria - Home
Torna Su
Torna su