I viaggi di Taddy e Gloria - Home
Home Home
Contatti Contatti
Iscriviti alla Newsletter Iscriviti alla Newsletter
Segnala il sito a un amico Segnala il sito a un amico
Note Legali Note Legali
Chi Siamo
I Nostri Viaggi
Le Nostre Foto
I Nostri Video
Tour Enduro
Gps
RoadBook
Attrezzature di Viaggio
Guide e Mappe
Tour Enduro Guidati / Percorsi Enduro - Valle del Sillaro (Bologna) - Codice EN-04
   
Itinerario:
San Lazzaro di Savena - Mercatale
Sillaro - Sassoleone - Piancaldoli
Monterenzio - San Lazzaro di Savena
Km:
Km 80/90* (80% offroad*)
Numero di moto:
Massimo 8 moto
Durata del Tour:
Mezza giornata (dalle 8.00 alle 12.30)
Tipo di moto:
Enduro racing (Monocilindrici leggeri)
Tipo di terreno:
40% strada ghiaiata, 40% suolo naturale, 20% asfalto *
Tipo di pneumatici:
Tassellati
Difficolta':
Facile / Media
Grado di Difficolta':
Da 1 a 5 su scala 1/7 - (Legenda)
Leggi le Testimonianze dei partecipanti e guarda i Video e le Immagini di questo Tour Enduro. Clicca qui
* Il Percorso Enduro puo' variare in chilometraggio e in percentuale di offroad in base alle condizioni delle piste, condizioni meteo, capacita' dei partecipanti ed imprevisti.
Programma di viaggio

La partenza e' da San Lazzaro si Savena, alle porte di Bologna. Dopo aver fatto colazione in una pasticceria locale dove sono ottime le specialita' dolci della casa, accompagnate da un ottimo cappuccino, avrete le energie neccessarie per affrontare il viaggio offroad tra crinali e boschi dell'appennino tosco-emiliano. Approfitteremo di questo piacevole convivio per definire gli ultimi particolari tecnici di viaggio. Ma la voglia di praticare enduro e' tanta e dopo pochi minuti saremo finalmente in sella, con la bussola che punta decisamente a sud, ci portiamo verso le prime zone di fondovalle con panorami sulle prime dolci colline Bolognesi. Il panorama e' rilassante e gia' molto bello sulla tranquilla ghiaiata.

Usciamo dallo sterrato per imboccare la strada provinciale e dopo pochi chilometri, incontriamo una ghiaiata, quindi una bellissima e tranquilla antica mulattiera, dove sono ben visibili i pietroni dell'epoca romana.Si sale a tornanti e si punta a sud-est, passando su splendidi crinali di argilla dove vi sembrera' di essere sulle montagne russe. Sempre immersi nella natura e sempre su piste in suolo naturale puntiamo verso la valle del Sillaro. Il paesaggio e' superbo e le strade ghiaiate raramente asfaltate e con pochissimo traffico serpeggiano alla base o a fianco di spigolosi calanchi di argilla che donano al paesaggio un aspetto magico.

Arrivati sul greto del fiume Sillaro, imbocchiamo le piste che lo fiancheggiano e ci porteremo verso sud, guadando il Sillaro varie volte, fra panorami che ricordano vagamente i corsi dei fiumi in secca africani. Usciamo sull'asfalto per rientrare poco dopo sul Sillaro, che guadaremo una decina di volte divertendoci un sacco. Il paesaggio divenda veramente bello, la natura incontaminata, il verde delle colline che contrasta con l'azzurro del cielo e le grigie terre calanchifere. Uno spettacolo... A questo punto, dopo il divertimento dei guadi, ci addentriamo nelle terre romagnole e incontriamo i primi villaggi di montagna, con le tipiche case in pietra, luoghi dove il tempo sembra essersi fermato al medioevo.

Le montagne di questi luoghi cominciano a spogliarsi e a dare il meglio di se'; in diversi punti e' ben visibile la stratificazione delle rocce, che mette a nudo grandi scaglie di pietra, caratteristiche di questi luoghi. Qui, il vento e la forza delle acque del fiume Sillaro hanno nei millenni sagomato i fianche delle montagne, levigato la loro anima rocciosa, scavato queste pietre rendendo il paesaggio incredibilmente suggestivo. Lasciamo l'ultimo splendido villaggio in pietravista per dirigerci ancora verso sud fino a raggiungere il paese di Piancaldoli. Se siamo stati veloci, possiamo fare una deviazione fino in cima a Monte la Fine, punto panoramico che sovrasta il paese e tutta la zona circostante.

A questo punto siamo al giro di boa, e puntiamo decisamente a nord su veloci strade ghiaiate su splendidi e panoramici crinali che dividono la valle del sillaro alla valle dell'Idice. Una volta arrivati sopra Bisano, prendiamo una bella mulattiera che un po' sottobosco e un po' in cresta ci colleghera' a un'altra ghiaiata veloce e divertente che sempre puntando a nord ci portera' in prossimita' di Monterenzio. Dal crinale scendiamo a valle serpeggianto per una pista nel sottobosco che ci portera' sulla fondovalle dell'idice. Un piccolo trasferimento obbligato su asfalto fino a Mercatale, ci fara' raggiungere in breve la bella ghiaiata in pianura che abbiamo gia' percorso all'inizio del tour.

La percorriamo stanchi, ma con gli occhi ancora pieni di splendidi ricordi di questo breve Tour,ma intenso di emozioni, lasciandoci cullare magari zigzagando in piedi sula moto, e con lo sguardo ancora su splendidi panorami, sebbene oramai siamo alle porte di Bologna. Su questa pista l'avventura sta veramente per concludersi e Sarete molto soddisfatti per aver visto luoghi insoliti e bellissimi e tornerete a San Lazzaro di Savena con la polvere che e' ormai entrata dappertutto, non solo nel filtro dell'aria ma anche negli occhi, nel naso, fin dentro alle mutande. Se non sara' la polvere state pur certi che il fango prendera' il suo posto. Questo e' enduro signori, micca ricamo e cucito...

   
 
Versione stampabile
 
Tour Enduro / Percorsi Enduro nel nostro sito
Tour e Viaggi Enduro Appennino/Mappe e Percorsi Fuoristrada/Moto Fuoristrada nel nostro sito
Shopping online Appennino/Enduro/Percorsi Fuoristrada
   
Indietro Indietro
I viaggi di Taddy e Gloria - Home
Torna Su